Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Poesia’ Category

(“Kopis’taya (A Gathering of Spirits)”, di Paula Gunn Allen (1939-2008), poeta, scrittrice, attivista lgbt, madre, nativa americana. Trad. Maria G. Di Rienzo.)

stacy rees

Kopis’taya (Un Raduno di Spiriti)

Poiché viviamo nella stagione che imbrunisce

l’aria pesante blocca il nostro respiro,

e in questo tempo in cui vivere

è solo sopravvivenza, noi dubitiamo delle voci

che giungono ombreggiate nell’aere,

che tessono dentro i nostri cervelli

certi pensieri, un movimento che è soffice,

impercettibile, una pioggia di crepuscolo,

la caduta di una piuma delicata, un piccolo corpo che si cala

nella sua prossimità, frusciando, mormorando, sistemandosi

all’interno per la notte.

Poiché viviamo nella stagione spigolosa

ove plastica sgretolata e splendente brilla,

e in questo spazio che è messo all’angolo e piegato

noi non notiamo il bagnato, l’umido, le importanti

gocce che cadono in sfere perfette e che sono delle misure

delle nostre menti;

quasi del tutto invisibili, quelle lacrime,

soffici come rugiada, fragili, che si aggrappano alle foglie,

a petali, a radici, gentili e fidate,

ogni mattina.

Noi siamo le donne della luce diurna, di orologi

e fonderie d’acciaio, di droghieri

e lampioni, di super autostrade

che tagliano in due i nostri giorni. Avvolte

in plastica e acciaio percorriamo le nostre vite;

dietro occhiali scuri nascondiamo i nostri occhi;

i nostri pensieri, schermati, sembrano oscuri.

Fumo riempie le nostre menti, il whiskey ombreggia le nostre canzoni,

il poliestere divide i nostri corpi dal nostro respiro,

i nostri piedi dall’accogliere le pietre della Terra.

I nostri sogni sono sbiadite memorie di se stessi

e il dubbio assillante è la falsa misura

dei nostri giorni.

Anche così, le voci degli spiriti stanno cantando,

i loro pensieri stanno danzando nell’aria sporca.

I loro piedi toccano il cemento, l’asfalto

deliziandosi, ancora tessono sogni sopra i nostri

crani oscurati, se riuscissimo ad ascoltare.

Se riuscissimo a sentire.

Andiamo, allora. Troviamoli.

Ascoltiamo l’acqua, le precise

luccicanti gocce che brillano sulle foglie,

sui fiori. Cavalchiamo

la mezzanotte, l’alba appena iniziata.

Sentiamo il vento farsi strada fra i nostri capelli.

Danziamo la danza delle piume,

la danza degli uccelli.

Read Full Post »

Lasciala leggere

(“Poet as Housewife”, di Elisabeth Eybers – in immagine, 26 febbraio 1915 / 1° dicembre 2007 – poeta e giornalista sudafricana, ha scritto principalmente in afrikaans. Trad. Maria G. Di Rienzo.)

Elisabeth Eybers

LA POETA COME CASALINGA

Una scopa sempre appoggiata alla parete,

pasti mai in orario, se mai arrivano del tutto.

Giorni senza appuntamenti attraverso i quali lei si muove

vuota e ostinata, leggermente confusa.

La roba da stirare pende sconsolata da una sedia,

gesti che arrivano da non si sa dove.

Vecchie lettere senza risposta, ammassate insieme,

carte e pillole stipate profondamente in un cassetto.

Grata di essere parte del grande tutto del tuo cuore

eppure devota ai limiti del suo piccolo cranio.

O bipede ordinario, fa’ attenzione,

lasciala in pace – lasciala leggere.

Read Full Post »

Pat Parker

(“My Lover Is a Woman”, di Pat Parker (Patricia Cooks, 1944 – 1989, in immagine). Pat, femminista lesbica, è stata oltre che poeta una grande attivista per i diritti umani e testimoniò davanti alle Nazioni Unite sulla violenza di genere: la sua stessa sorella maggiore morì uccisa dal proprio marito, il che Pat raccontò in versi nel poema “Womanslaughter” del 1978 – l’uomo ricevette la sentenza ad un anno di carcere con il permesso di continuare a lavorare all’esterno di esso.)

IL MIO AMORE E’ UNA DONNA

I.

il mio amore è una donna

& quando l’abbraccio

sento il suo calore

mi sento bene

mi sento al sicuro

quindi – non penso mai

alle voci della mia famiglia

non sento le mie sorelle dire

lesbicone, strambe, ridicole

vieni a trovarci, ma non

portare le tue amiche

a noi va bene,

ma non dirlo alla mamma

le si spezzerebbe il cuore

non percepisco mio padre

rigirarsi nella tomba

non sento mia madre piangere

Dio, che tipo di bambina è questa?

II.

i capelli della mia amata sono biondi

& quando si strofinano sulla mia faccia

sento che sono soffici

sembrano un migliaio di dita

che toccano la mia pelle e mi abbracciano

e io mi sento bene

quindi – non penso mai al ragazzino

che ha sputato e mi ha chiamato negra

non penso mai al poliziotto

che ha preso a calci il mio corpo & ha detto striscia

non penso mai ai Neri corpi

penzolanti dagli alberi o pieni

di buchi di pallottole

non sento le mie sorelle dire

i capelli dei bianchi puzzano

non fidarti di nessuno di loro

non percepisco mio padre

rivoltarsi nella tomba

non sento mia madre parlare

del suo mal di schiena dopo aver grattato pavimenti

non odo il suo pianto

Dio, che tipo di bambina è questa?

III.

gli occhi della mia amata sono azzurri

& quando mi guarda

io fluttuo in un lago caldo

sento i muscoli farsi deboli dal desiderio

mi sento bene

mi sento al sicuro

quindi – non penso mai agli azzurri

occhi che mi hanno squadrata

e si sono mossi a tre sgabelli di distanza da me

in un bar

non sento le mie sorelle infuriarsi

su uomini Neri sifilitici usati come cavie

infuriarsi su bambini sterilizzati

non le vedo fermarsi giusto a

un crocevia per terrorizzare la vecchia

stronza bianca

non sento mio padre rigirarsi

nella sua tomba

non ricordo mia madre

insegnarmi i sissignore e sissignora

per mantenermi in vita

non sento mai mia madre piangere

Dio, che tipo di bambina è questa?

IV.

& quando vado in un bar gay

& la mia stessa gente mi evita perché

ho oltrepassato un limite

& la gente di lei la guarda per vedere

cosa c’è di sbagliato in lei

che difetto

l’ha attirata verso di me

& quando camminiamo per le strade

di questa città

dimentichiamo e ci tocchiamo

o ci teniamo per mano

& la gente

fissa, guarda male, aggrotta la fronte & sfotte

i froci

io ricordo

ogni parola che mi è stata insegnata

ogni parola che mi è stata detta

ogni atto fatto a me

e allora odio

guardo la mia amata

& per un istante

dubito

allora – stringo la sua mano più forte

e posso sentire mia madre piangere.

Dio, che tipo di bambina è questa?

Read Full Post »

naufragio lampedusa

(immagine da Il Corriere della Sera, 7 ottobre 2019)

(“Precedents 20:17” di Freesia McKee, poeta e saggista contemporanea statunitense, in immagine sotto. Trad. Maria G. Di Rienzo.)

Perché avevo fame e voi mi avete dato un test antidroga. Avevo sete e voi avete avvelenato la mia acqua.

Ero una straniera e mi avete scacciata. Avevo bisogno di vestiti e mi avete assalita sessualmente.

Ero malata e la vostra azienda mi ha negato copertura. Ero in prigione e sono diventata qualcosa d’altro per voi, la mia libertà trasformata nel vostro lavoro gratuito.

Come rispondono i giusti? “Una fame comune, una sete comune, un bisogno comune?” Quando abbiamo iniziato a vedervi come una minaccia? Quando abbiamo iniziato a credere che non avremmo mai dovuto pagare?

Quando vi abbiamo visti malati e in prigione? Chi lavora gratis? Quando abbiamo deciso che la nostra gioia più grande era far strabordare il nostro piatto?

Il Re risponderà: “Qualsiasi cosa abbiate ignorato quest’anno, lo avete fatto per me.”

mckee

Read Full Post »

La volpe

(“The Fox”, di Abbey Bi Yao Lin, trad. Maria G. Di Rienzo. Abbey ha oggi 11 anni, è nata e vive in Irlanda e a 10, l’anno scorso, è stata una delle vincitrici del concorso di poesia “Sino a che l’amore vincerà la paura” organizzato dall’ong umanitaria Trocaire e dall’associazione nazionale irlandese per la poesia Poetry Ireland/Éigse Éireann. L’immagine è di Lüleiya, una giovane illustratrice freelance ungherese.)

fox spirit - luleiya

LA VOLPE

La paura assomiglia

a quattro zampe furtive

un piccolo naso che fiuta

occhi neri che sono offuscati

dalla fame.

E’ in agguato sulla strada

dando caccia al cibo, dando caccia alla speranza.

L’amore cresce

nel cuore della Terra.

Quando la volpe coglie

il profumo dell’amore, cambia

le cresce pelo nuovo,

soffice come una nuvola

si sparge sulla volpe.

L’amore dà alla volpe

cibo e sazietà.

Quando l’amore la tocca,

la volpe si riempie di gentilezza.

Read Full Post »

(due composizioni senza titolo della poeta indiana contemporanea Sonia Motwani, in immagine sotto, trad. Maria G. Di Rienzo. Sonia è l’autrice del libro di poesia “Silent Defiance” – “Sfida Silenziosa”, si dichiara fermamente convinta del potere insito nell’amore di sé e nella capacità della poesia di dare sollievo e guarigione. Il suo account su Instagram si chiama “Poesie femministe”.)

Devi a te stessa

delle scuse.

Delle scuse per

esserti considerata

meno che magica.

sonia

La guerra

che fai contro la tua pelle

spezzerà

le tue stesse ossa.

Read Full Post »

Sei fuggita dalla gabbia.

Le tue ali sono completamente distese.

Ora vola.

Rumi

free as a bird

“Una donna deve continuamente osservarsi. E’ quasi sempre accompagnata di continuo dalla sua propria immagine di se stessa. Mentre cammina attraversando una stanza o mentre sta piangendo la morte di suo padre, può a stento evitare di figurarsi mentre cammina o piange. Dalla più tenera infanzia è stata istruita e persuasa a ispezionarsi costantemente. E quindi arriva a considerare sorvegliante e sorvegliata dentro di sé come i due elementi costituenti seppure sempre distinti della sua identità di donna. Deve ispezionare tutto quel che è e tutto quel che fa perché il modo in cui appare agli uomini è di cruciale importanza per ciò che normalmente si intende come successo nella sua vita. La sua sensazione di essere in se stessa è soppiantata dalla sensazione di essere apprezzata come se stessa da un altro.”

John Berger in “Ways of Seeing” (in italiano “Questione di sguardi”, ma io ho tradotto direttamente dall’originale, che è online), 1^ edizione 1972.

Qualcuno giudica il vivere in questo modo desiderabile? Oppure “una libera scelta”? O, ancora, qualcosa di “naturale”? Per come la vedo io è galera – e nessuno riuscirà a convincermi che star dentro a una gabbia sia divertente, sano, sexy e così via.

Maria G. Di Rienzo

P.S. John Berger è un uomo, non lo pseudonimo di una femminista, il che dimostra una volta di più che anche voi schiumanti odiatori machisti potreste farcela e tornare a essere completamente e splendidamente umani. Vi aspettiamo a braccia aperte.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: