Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Umorismo’ Category

(“If racism was a burning kitchen” – “Se il razzismo fosse una cucina in fiamme”, scena teatrale in tre atti – più un quarto in premio – di Christy NaMee Eriksen. Trad. Maria G. Di Rienzo. L’Autrice, in immagine, è un’artista multimediale e pluripremiata, nata in Corea del Sud e cresciuta in Alaska, che usa la creatività come attrezzo per l’attivismo sociale e la creazione di comunità “inclusive rispetto alle differenze e dotate di voci forti”. Il suo linguaggio preferito è la poesia.)

Christy - foto di AnnaMin

ATTO I: SE IL RAZZISMO FOSSE UNA CUCINA IN FIAMME

Una persona asiatica (A) e una persona caucasica (C) sono in una cucina. La cucina è in fiamme.

A: Accidenti. La cucina sta bruciando?

C: Mi stai dando del piromane?! Io non sono un piromane!

A: Mi sto letteralmente scottando. Sono del tutto sicura che la cucina è IN FIAMME.

C: Non ho costruito io questa casa! Ci vivo solamente!

A: Andiamocene e costruiamo una nuova casa!

C: Io non vado da nessuna parte. Questa è CASA MIA.

ATTO II: SE IL RAZZISMO FOSSE UNA BARCA CHE AFFONDA.

Una persona asiatica (A) e una persona caucasica (C) sono su una barca. C. sta tenendo in mano una pistola. La barca sta affondando.

A: Oh mio dio, la barca sta affondando!

C: Non intendevo affondarla, ho solo sparato e fatto un buco sul fondo!

A: Be’, ora sta affondando!

C: Non dare la colpa a me! A me piacciono i buchi, volevo solo vederne uno!

A: Non sparare altri colpi per fare buchi, uomo, o moriremo qui fuori.

C: (tirando su con il naso) Pensi che io sia razzista?

ATTO III: SE IL RAZZISMO FOSSE UN’APOCALISSE DI ZOMBIE.

E’ l’apocalisse. Una persona asiatica (A) e una persona caucasica (C) sono su una strada. Gli zombie corrono avanti e indietro sul palcoscenico.

A: Merda. Zombie.

C: Cosa facciamo adesso?

A: Be’, penso che dovremmo andarcene di qui prima che ci uccidano.

C: Come fai a sapere che ci uccideranno?

A: Perché l’ho visto, sai! Hanno ucciso i miei genitori!

C: Oh, è terribile!

A: Sì, perciò andiamo via di qui.

C: Perché?

A: Di modo che non ci uccidano!

C: Pensi che ci uccideranno? Io conosco quel tizio là, è veramente mitico.

A: Sono sicura che è mitico! Ma in questo momento è uno zombie! E gli zombie uccidono la gente!

C: Cosa? Come fai a saperlo?

A: Te l’ho appena detto!

C: Non mi ricordo.

BONUS – ATTO IV: SE IL RAZZISMO FOSSE QUESTO PEZZO TEATRALE

C: Non voglio essere la persona caucasica; non posso essere semplicemente un umano?

A: No.

C: Questo è razzista.

A: Amico, il pezzo tratta di un sistema di oppressione.

C: Posso fare il regista, allora?

Annunci

Read Full Post »

(“As a man with no daughters, here are my views on feminism”, di Jonn Elledge per New Statesman, 11 ottobre 2017. Trad. Maria G. Di Rienzo.)

Quando leggo storie su molestie sessuali, la cultura dello stupro o il mansplaining (1), mi sento completamente e decisamente indifferente. C’è una ragione per questo. Io – a differenza degli uomini che dichiarano a voce alta di deplorare il sessismo perché sono padri di figlie – non ho figlie. Come uomo senza figlie, sono del tutto incapace di provare dell’empatia verso qualsiasi donna.

Non è che le donne non abbiano avuto un ruolo nella mia vita. Una delle mie maggiore influenze formative è stata mia madre, la quale non solo mi ha nutrito e vestito, ma si è spinta al punto di crescermi nel suo grembo e persino mi ha partorito. Io ho sempre apprezzato la gentilezza che lei mi ha mostrato, in larga parte perché non avrei mai desiderato passare la mia infanzia affamato e nudo, o non essere nato del tutto. Grazie, madre, per avermi sfornato. Sei stata di grande aiuto.

Oggi molti dei miei colleghi sono pure donne: molte hanno un lavoro nonostante siano donne. Non è grandioso? Io devo ancora imparare a distinguerle l’una dall’altra – penso che una di esse potrebbe essere bionda – ma la cosa importante è che le riconosco come persone con cui lavoro, alle quali inoltre capita di essere donne. Facciamo loro un bell’applauso.

Forse, la mia più grande ragione nel comprendere che alcuni esseri umani sono donne è che la mia stessa moglie lo è: allo stesso tempo essere umano e donna. Sì! Io, un uomo, sono in effetti sposato con una donna. Perciò, lo capirete, l’idea che io in qualche modo possa essere sessista è ridicola. Cosa potrebbe esserci di più femminista dell’essere sposato a una femmina vivente e respirante?

Pur essendo conscio di tutte queste donne ed essendo qualche volta abbastanza valoroso da parlare con loro, mi trovo a essere incapace di provare empatia verso le donne come classe. Non sono del tutto sicuro, infatti, che esistano sul serio. Io sono certo di esistere perché so che posso provare emozioni, come gioia e dolore e la linea della metropolitana di Piccadilly.

Ma le donne provano emozioni proprie? Come possiamo saperlo? Come può veramente saperlo, qualcuno di noi?

Sono umane, poi, le donne? E se lo sono, perché Katy Arbour è stata così stronza con me in cortile, quella volta che le ho chiesto di uscire insieme nel 1994? Perché ha fatto ridere tutti sui miei capelli?

Presto ci sarà la guerra. Milioni bruceranno. Milioni periranno di malattia e miseria. Perché una singola morte dovrebbe avere importanza, al confronto di tante?

Nel mentre non provo al momento empatia per le donne, credo ciò potrebbe cambiare se dovessi produrre della mia progenie. Questo perché mia figlia non sarebbe semplicemente una donna: sarebbe la miniatura di donna di mia proprietà, cresciuta del seme degli homunculi che giacciono in attesa nei miei lombi.

Mi aspetterei quindi che il mondo la rispettasse, in parte a causa del mio naturale impulso genitoriale a proteggerla e in parte per il mio egualmente naturale impulso a vederla in primo luogo come un’estensione di me stesso anziché come un essere umano di suo.

“Le donne meritano rispetto! – direi – Perché alcune di esse potrebbero essere mia figlia!” Questo è il modo in cui noi uomini parliamo quando vogliamo far sapere che siamo uomini buoni.

Si potrebbe arguire che i miei sentimenti per mia madre o mia moglie, o le mie amiche o colleghe o diavolo, non sono mica un sociopatico, dovrebbero significare che sono in grado di concepire le donne come persone – esseri umani che meritano rispetto, tanto quanto le persone vere come me. Al che io risponderei: “Bernie avrebbe vinto. Hillary Clinton dovrebbe tenere la bocca chiusa.”

(1) https://lunanuvola.wordpress.com/2014/07/14/mo-ti-spiego/

Read Full Post »

Caffè corretto molestie

(“4 Cozy Coffee Shops You’ll Still Get Harassed At”, di Loretta Donelan per Reductress, 6 ottobre 2017, trad. Maria G. Di Rienzo.)

girl in a coffee shop

Non c’è nulla di altrettanto rilassante del sorseggiare un latte macchiato caldo nel caffè del tuo quartiere. Che tu abbia bisogno di un posto in cui svolgere un po’ di lavoro, di un punto in cui chiacchierare con le amiche, o che tu stia solo cercando una pausa nel mezzo di una settimana indaffarata, i caffè sono i posti perfetti in cui riposarsi e poi essere avvicinata da uomini strani.

Fermati in uno di questi quattro adorabili caffè se stai cercando una bevanda calda e compagnia non desiderata.

Il posto in cui tu e le tue amiche andate sempre:

Andare al caffè di tendenza all’angolo è diventato un rituale per te e il tuo gruppo di amiche. Il fatto che siate clienti abituali e che il barista conosca in anticipo la tua ordinazione di un latte alla cannella vi farà sentire a casa, sempre che ciascuna delle tue amiche non abbia già fatto incontri inquietanti con lo stesso identico tipo nei bagni. Almeno, potrete godervi tutte i mattoni a vista – perfetti per le foto!

Il caffè che è abbastanza da tranquillo da poterci lavorare:

Il locale a un paio di isolati dal tuo appartamento ha un caffè grandioso, ma non è affollato e chiassoso come altri posti che ti piacciono. Riesci sempre a trovare un tavolo a cui sedere e a lavorare per qualche ora, e l’ambiente quieto e “studioso” è l’ideale per la concentrazione o lo sarebbe se dei tipi della tua età non stessero sempre a domandarti su cosa stai lavorando rifiutandosi di cogliere il tuo linguaggio corporeo che dice “mi sto concentrando”. Assicurati di assaggiare i muffin – yum!

Quello nella tua città natale, dove conosci i proprietari:

Sei andata al piccolo, accogliente locale nella cittadina dove vivono i tuoi genitori per quel che sembra la tua vita intera. Ogni volta in cui ritorni, sei sicura di imbatterti in qualcuno che conosci, oltre al vecchio uomo raccapricciante che ti dirà che sei bellissima e chiederà se conosci sua nipote. Per fortuna, i biscotti fatti da Nancy sono ancora squisiti dopo tutti questi anni.

Il caffè vicino al tuo ufficio:

Nel mezzo di una lunga, confusa giornata, a volte tutto quel di cui hai bisogno è di fermarti nel confortevole piccolo posto vicino al tuo ufficio. Puoi sederti, controllare il tuo telefono e prenderti una piccola pausa, che sarebbe di certo più rilassante se regolarmente un tizio non si sedesse al tavolo di fronte al tuo e ti fissasse, leccandosi di quando in quando in quando le labbra per qualche disgustosa ragione. Da brividi!

Questi caffè sono i luoghi perfetti per rilassarsi con una bevanda calda e una pasta, e poi per essere scocciate da un uomo. Se stai cercando un posto dove rilassarti senza essere molestata, raccomandiamo la tua stessa casa. E non pensare neanche di passare del tempo in libreria.

Read Full Post »

In tutt’Italia manifestazioni spontanee di ringraziamento e giubilo hanno accolto il 29 aprile u.s. “le dieci regole infallibili per conquistare un uomo” gentilmente messe a disposizione da “Cosmopolitan”. Le donne hanno sfilato trasgressive e liberate, per propria scelta – alcune indossando gli abiti di “tulle firmato” consigliati dalla medesima rivista per “non essere out”, dopo aver rapinato un paio di banche per pagarli: ma assicurano di aver sfondato i caveau con la massima ironia.

In obbedienza alla prima regola (“è universale: sorridere”) tutte le dimostranti hanno mantenuto dall’inizio alla fine delle marce l’espressione della maschera comica del teatro latino. Le mandibole bloccate sono state schiodate a pugni al termine delle manifestazioni da volontari di sesso maschile anch’essi assai trasgressivi, che hanno scelto questo modo per esprimere liberamente il loro vigoroso sostegno alle donne e mantenere stabili le percentuali di violenza di genere in Italia.

In obbedienza alla seconda regola (“ridere insieme, puntare sull’umorismo”) le proprietarie delle mascelle schiodate hanno accolto con entusiastici trilli e aperte sghignazzate ogni livido, incrinamento o frattura. “Adesso non vado al pronto soccorso, ma torno a casa e mi esercito davanti allo specchio, come Cosmopolitan consiglia, per sorridere ancora meglio.”, hanno dichiarato in molte alla stampa. D’altronde, la rivista ha basato le sue regole infallibili su solidissime basi scientifiche: “Sono sempre di più gli studi medici che sostengono che una persona sorridente risulterà sempre più piacevole e gradevole di un muso lungo.”

A qualcuno potrà sembrare bizzarro che la ricerca in medicina si stia occupando dei sorrisi, ma d’altronde, l’Istituto Nazionale di Astrofisica sta studiando la potenza delle emissioni relativistiche nei soggetti affetti da azoospermia ostruttiva e il Monza Research Institute ha appena brevettato un nuovo tipo di guard-rail che invece di far rimbalzare la fidanzata noiosa gettata fuori dall’auto la assorbe completamente, cancellandone ogni traccia. Nel frattempo, l’Istituto di Ricerca sulle Neuroscienze dell’Università di Pechino sta mettendo a punto un’applicazione per cellulare generante stimoli occulti che raggiungono il subconscio, seguendo proprio gli avvisi di Cosmopolitan: “per sedurre un uomo, sii aperta, ma lascia intatto un certo alone di mistero. Non essere mai totalmente sfrontata, ma lanciare messaggi subliminali ti aiuterà a raggiungere in fretta il tuo scopo.”

Infine, la Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII – pur eccependo a quelli che sembrano inviti a rapporti sessuali fra persone non unite in regolare matrimonio cattolico – plaude alla cura per il sesso maschile che “le dieci regole infallibili” esprimono chiaramente dicendo alle donne di comportarsi bene e di produrre performance adeguate “senza inibizioni”: “un messaggino con una parolina dolce, o anche provocante, è il modo migliore per tenere viva la relazione. Ma fai attenzione a non esagerare o a non risultare asfissiante.”; “sii seduttrice. Non aver paura di giocare con il tuo corpo, seduci il tuo uomo con un ballo sexy o uno spogliarello, un gioco innocente perfetto per fare impazzire per sempre il tuo uomo.”… perché, spiega la saggia redazione di Cosmopolitan, “raramente un uomo lascia una donna quando è soddisfatto a letto”.

Alcune aree critiche, ma la rivista le affronterà con comodo nei prossimi secoli, riguardano le situazioni in cui tu donna a letto non sei per niente soddisfatta e se sei tu quella che vuole lasciarlo. Su questo, per il momento, abbiamo solo cronaca (“1° maggio – Roma, omicidio in centro: massacra la compagna e si costituisce”). Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

La generosità di un uomo

(“Man Generously Offers Not to Judge Woman He’s Trying to Fuck” – di Taryn Englehart per Reductress, 20 aprile 2017, trad. Maria G. Di Rienzo. Ndt.: è un pezzo satirico e le persone menzionate non sono reali.)

All’inizio di questa settimana, il ventisettenne Jeremiah Grant si è generosamente offerto di non giudicare la donna con cui stava attivamente tentando di fare sesso. Le ha detto: “Non preoccuparti, non ti giudicherò.”, rassicurandola sulla sua intenzione di gentiluomo di scoparla esattamente una sola volta.

lizbeth not amused

“Ho pensato: Ma guarda che stronzo. E’ lui che sta cercando di scoparmi!”, dice Laura Shepard, la donna in questione. Ma Grant vuole farle sapere che lui non è quel tipo d’uomo: “Io tento di essere generoso con le donne, perché a volte sono giudicate male se hanno un rapporto occasionale con un uomo solo per una notte. Io sono più riflessivo di così, comunque. Io, assolutamente, non ti chiamerò “troia” se questo significa tenere la porta aperta affinché tu ti senta a tuo agio nel venire di nuovo a letto con me.”

Shepard ha scelto di non andare a letto con Grant, ne’ ha apprezzato la gentilezza della sua offerta. “Be’, non si incontra tutti i giorni un uomo che si dice disposto a non umiliarti se lo scopi. Immagino che sia proprio… qualcosa.”

Grant non è d’accordo: “Stavo solo facendo sapere a Laura che, sebbene io abbia il potere di degradarla, non lo avrei usato a meno che lei dicesse di no. Perciò dirmi di sì era probabilmente la miglior scelta che potesse fare.”

La volontà di Grant di lasciarla passare alle donne, sino a che costoro acconsentono ad andare a letto con lui, è una dimostrazione di generosità della qualità più alta.

“Ancora non posso crederci. – dice Grant, dopo essere stato respinto – Voglio dire, le sto offrendo l’immunità dall’essere chiamata “puttana” se solo ci sta! Anche quando ne parlo ai miei amici lo faccio con vera classe. Voglio dire, questo è femminismo.”

Grant chiarisce che la sua offerta non è rivolta solo a Shepard, ma a ogni altra donna che voglia fargli la cortesia di scoparlo. In cambio, lui non giudicherà queste donne per aver fatto proprio la cosa che lui le sta implorando di fare.

Alla fine dell’intervista, abbiamo sentito per caso Grant mentre tentava di convincere una donna a scoparlo, rassicurandola sul fatto che poi avrebbe potuto “dare la colpa a quel che aveva bevuto”.

Read Full Post »

Il Grande Maestro

“grandemaestro:

In Italia siamo troppo perbenisti…avvolte ci vorrebbe il coraggio di imporre punizioni piu´ severe delle attuali..”

Questo commento e relativo pseudonimo stavano sotto a un recente articolo di cronaca su un grave episodio di bullismo, accaduto in Italia. Nulla è stato cambiato, ne’ i puntini messi a caso e azzeccati alle parole, ne’ il più con l’apostrofo ne’, ci mancherebbe, il meraviglioso “avvolte” (participio passato del verbo avvolgere spacciato per “a volte”).

Ho quindi cercato di immaginare quale aspetto potesse avere il Grande Maestro, la cui grandezza deve necessariamente riferirsi ad abilità diverse dall’uso della lingua italiana, e cos’altro mai potrebbe dirci dall’alto della sua saggezza.

confucio

Per esempio:

“La vera sapienza è il conoscere l’estensione della propria ignoranza.”

“Chi impara ma non pensa è perduto. Chi pensa e non impara è in grave pericolo.”

“Chi parla senza modestia troverà difficile rendere buone le proprie parole.”

“L’ignoranza è la notte della mente. Ma è una notte senza luna ne’ stelle.”

Maria G. Di Rienzo

P.S. Come avrete capito sono tutte massime di Confucio (551 – 479 BCE).

Read Full Post »

Colla

Le mestruazioni, come sapete, sono un’enorme problema… per gli uomini. Perciò, il primo chiropratico che passa (e cioè qualcuno specializzato nell’applicare con le mani una tecnica curativa contro i dolori articolari, ma senza alcuna formazione sull’anatomia dei genitali femminili) “inventa” la colla per le labbra vaginali e “Forbes” si prende persino la briga di intervistarlo. In realtà il prodotto neppure esiste ancora, ma il signor Dan Dopps – definirlo “medico” sarebbe un insulto alla professione – l’ha già brevettato: è un bastoncino di adesivo che si chiama “Mensez”.

“Vi siete mai svegliate con le labbra incollate insieme? – chiede il signor Dopps nel suo annuncio pubblicitario – Non fa male ed è persino divertente. Tutto quello che avete dovuto fare è stato inumidire le labbra dall’interno con la saliva. Questo è il principio che sta dietro “Mensez”, una rivoluzionaria e sicura soluzione che consente alle donne di controllare i loro periodi senza bisogno di tamponi, assorbenti, coppe o mutande mestruali. “Mensez” è un composto naturale brevettato di amminoacidi e olio che si applica durante le mestruazioni, come un rossetto, alle labbra di sotto (sic). Fa incollare insieme le labbra in modo abbastanza forte da prevenire ogni fuoriuscita, sino a che non si urina. L’urina istantaneamente stacca le labbra e tutto se ne va sotto lo scarico del wc, poi vi lavate e riapplicate la colla “Mensez”. Tutto pulito, sicuro, prudente e risolto. Presto arriverà in un negozio a voi vicino.”

Come mai questo idiota genuino scienziato ha ritenuto di doversi occupare di mestruazioni? E’ evidente, è perché ama le donne e, soprattutto, ha per loro uno sconfinato rispetto. Così infatti risponde a quelle che gli fanno notare che la vagina non equivale a una vescica, come lui ha sostenuto nell’intervista resa a Forbes: “Voi donne avreste dovuto trovare una soluzione migliore di pannolini e tamponi, ma non lo avete fatto. E questa è la ragione per cui le donne sono concentrate sui loro periodi e distratte da essi per il 25% del tempo, e ciò le rende molto meno produttive di quanto potrebbero essere. Le donne tendono a essere più creative degli uomini, ma le mestruazioni le soffocano e fanno scherzi alle loro teste.”

Investito da un torrente di spiegazioni e precisazioni scientifiche sull’anatomia umana femminile, che riportano l’invenzione al suo reale livello di ciofeca, Dopps non riesce a recepirne nessuna e scopre il complotto: è la comunità LGBT che sta dietro al rifiuto di “Mensez”. “(…) Le lesbiche, in particolare, sono furiose nei miei confronti perché sono un uomo bianco eterosessuale. – dice il genio, ma precisa di non essere omofobico giacché – La mia receptionist è lesbica!” Mannaggia, sul serio? Anche se vuole chiudere tutte le labbra delle donne, sopra e sotto, Mr. Dopps è un uomo veramente aperto, forse persino troppo! Allora ecco qua, un po’ di colla anche per lui: la applichi sul copritastiera e poi prema quest’ultimo sulla tastiera del computer.

vinavil

Serve per smettere di scrivere stupidaggini sessiste, una cosa per cui gli uomini avrebbero dovuto trovare una soluzione da tempo, ma non lo hanno fatto.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: