Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Umorismo’ Category

(“I Went As A Nurse For Halloween in Third Grade – Here’s What You Need To Know About Coronavirus”, 18 marzo 2020, Reductress, trad. Maria G. Di Rienzo.)

ah-ha-moments

In questi tempi terribili, è assai importante non cadere preda della disinformazione o addirittura contribuire a diffonderla. Tuttavia, non è nemmeno il momento di infilare la testa nella sabbia. L’unico modo per combattere le cattive informazioni è essere provvisti di buone informazioni e questo è il motivo per cui sono qui a fornirvele.

Essendomi vestita da infermiera per Halloween, quando ero in terza elementare, vi dirò quel che avete bisogno di sapere sul coronavirus.

Lo si può prendere dalle superfici, o no?

Come una che non solo si è vestita da infermiera a otto anni, ma persino voleva diventare tale per un certo periodo alle medie, posso affermare con sicurezza che una mia amica mi ha detto che il coronavirus può vivere sulle superfici. La buona notizia è che la mia amica (amica su Facebook di cui non ricordo come ci siamo conosciute, forse al campeggio estivo? Ci sono poi andata al campeggio? Non so.) mi detto questo: il virus rimane sulle superfici per la durata di una puntata di una serie con elementi comici dell’HBO, ma si può ridurre questo tempo alitando sulla superficie e poi strofinandola come si fa con gli occhiali. Assicuratevi di aver indossato i guanti! Quelli senza dita, se volete sembrare fantastiche mentre combattete la malattia. Sono certa di non aver fatto errori.

Potete fare il test a casa vostra.

Tutti si stanno agitando sull’inaccessibilità dei kit per l’esame, dicendo che è un panico creato dal governo per controllare la popolazione o cose del genere. Ha a che fare con le elezioni ma, guardate, io per Halloween mi sono vestita da infermiera, non da politologa.

In ambo i casi, non c’è motivo di preoccuparsi perché potete controllare se avete o no il virus comodamente nella vostra casa. Basta chiudere gli occhi e recitare l’alfabeto al contrario. Se avete le capacità mentali per fare questo, allora non siete infettati. Funziona per tutte le età.

Ricordate di apprezzare i professionisti della sanità.

Fra le persone più a rischio ci sono i lavoratori della sanità che si giocano tutto per aiutare a mantenere altri in salute. Prendetevi un momento per apprezzarli. Per esempio, io sto sacrificando del tempo che avrei potuto spendere per la “sfida alla cannella” (la cannella è una delle cure note per il coronavirus), perché ho più a cuore il fornire informazioni salvavita agli altri. Che ci volete fare, io sono così.

Quindi, restate al sicuro, infilatevi in un sacco a pelo dallo spessore considerevole (il Covid può viaggiare solo attraverso due centimetri di stoffa) e lavatevi le mani con acqua abbastanza gelata da paralizzare i batteri. No, no, non occorre ringraziare. Non c’è di che.

Read Full Post »

spilli

1. Nemmeno il coronavirus li ferma:

16 marzo 2020 – Donna accoltellata in casa nel Milanese: cinque fendenti al torace, ricoverata in gravi condizioni. Arrestato il figlio.

“L’uomo, alterato dall’alcool, ha aggredito la madre al culmine di un litigio.”

E dopo “Altered Carbon” Netflix produrrà “Altered Son”, un agghiacciante affresco del futuro anno 2020 ove si illustra come la triste sinergia di Genepy e Sfurzat con l’irritazione produca figli assassini. Come, siamo già in quell’anno? Ah be’, sì be’…

17 marzo 2020 – Bologna, cerca di uccidere la ex al centro commerciale, accoltellandola al volto.

La donna si è difesa; prognosi di 30 giorni. L’uomo deve rispondere di tentato omicidio.”

Vi è concesso provare un minimo di compassione per la vittima, anche se l’articolo sottolinea che “si è fidata” (stupida come tutte le donne) e ha risposto alla richiesta di incontro: si è difesa. Se il terrore l’avesse paralizzata, come spesso succede, il “minimo” contrattuale sparisce – sappiatevi regolare.

18 marzo 2020 – Roma, accusato di violenze sulla moglie: sospeso il pg della Cassazione Mario Fresa.

“(…) tra i due era nata una discussione per motivi di gelosia che era terminata appunto con un fortissimo pugno alla tempia ricevuto davanti alla tata del figlioletto dei due coniugi.”

“(la donna) accusa il magistrato di “averla colpita con un pugno alla tempia in casa al termine di una lite” (sette giorni la prognosi) e minacciata “di portarle via il figlio se avesse sporto denuncia”.

Dunque, l’aggressione ha una testimone e manda la donna in ospedale con sette di giorni di prognosi, ma si tratta di una mera accusa: sarà vera? La tizia ha pagato la babysitter perché dichiarasse il falso? Si è tirata il pugno in testa da sola? Ma comunque niente paura, anche se fosse stato proprio il marito quest’ultimo non aveva più il controllo di sé a causa della gelosia. E come mai era geloso, cosa aveva combinato la tizia per agitarlo così (poverino)? Diciamocela tutta: se il violento è un procuratore generale meglio andarci con i guanti di velluto.

2. Prima di chiedere la beatificazione per Pornhub fate un supplemento di indagine:

Che nobiltà d’animo, che generosità! Pornografia gratis per gli sfortunati italiani chiusi in casa! I quali potranno così avvallare i contenuti del sito che raffigurano vittime di traffico a scopo di sfruttamento sessuale:

https://www.washingtontimes.com/news/2020/mar/10/ben-sasse-doj-investigate-pornhub-sex-trafficking/

oppure bambine vittime di stupro:

https://www.bbc.com/news/stories-51391981

3. Raccogliete informazioni sulla pandemia solo tramite canali ufficiali:

Cioè il numero unico nazionale del Ministero della Salute 1500 e i numeri verdi delle Regioni, a meno che non vogliate sentirvi dire che il coronavirus si cura tenendo un incenso sotto il naso mentre si balla la quadriglia.

Domenica scorsa, mentre passeggiava frettoloso in Via Tritone a Roma per raggiungere il negozio di alimentari arabo – l’unico presente su quella strada – ove comprare cibo italiano, un signore confuso pensava ossessivamente: “Come faccio a restare al centro dell’attenzione, cosa cavolo mi invento?” Ecco la risposta:

“La Lega attiva un servizio gratuito per rispondere alle vostre domande. Metteremo a disposizione i nostri tecnici con numeri di cellulare ed un indirizzo mail. Cercheremo di dare risposte precise.”

Lega: Lungimiranti Epidemiologi Gozzovigliano Allegri cercando di lucrare consenso dalla sofferenza di un intero Paese.

4. Fra tante disgrazie ci mancava questa:

Il programma televisivo “Porta a Porta” è tornato in onda ieri. Che Bruno Vespa vi sia lieve (lo so, è impossibile).

5. Però una buona notizia (relativamente, s’intende) c’è:

La seconda serie di “The Mandalorian” è in arrivo e anche i dirigenti di Disney+ fanno mostra di magnanimità regalandovi la prima puntata su Italia 1 (22 marzo p.v., h. 23.30), per il resto dovrete pagarli. Io me la guarderò da qualche parte sul web, con calma, in lingua originale – tanto i dialoghi non sono davvero granché – sperando che il Mandaloriano si decida ad accudire Baby Yoda come si deve. Un bagnetto vogliamo farglielo? Cambiargli il vestitino ogni tanto?

Io ci metto il cibo:

meglio fresco

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

cartello sardine

 

vauro pani e pesci

 

 

 

Read Full Post »

neanche da qui

(… si vede la vastità di quello che me ne importa)

Naomi Campbell, Claudia Schiffer, Stefano Accorsi: come vivono il passare del tempo?

Meghan Markle, quell’accessorio indossato si può comprare anche online

Irresistibile Julianne Moore: a 59 anni è sempre più bella

Diana Del Bufalo e Paolo Ruffini, amore finito?

Guendalina Tavassi: “Sono ancora calma, ma potrei scatenarmi”

La sexy modella Ines Trocchia torna single

Chin bob, da Alessia Marcuzzi a Bella Hadid tutte pazze per il caschetto del momento

Mario Balotelli e Raffaella Fico di nuovo insieme

Ciro Immobile si scatena in un ballo con sua moglie

Sono notizie (?) importantissime (???) spesso accalcate negli “spazi donna” dei giornali con l’implicazione che si tratti di ciò a cui le donne sono interessate. Simbolicamente chiedono una risposta a chi legge.

Va bene, da una donna, eccola qui:

E CHI SE NE FREGA.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

“Daniele Martinelli (ex responsabile comunicazione per il Movimento 5 stelle alla Camera dei Deputati…), non ci siamo. Ti avevo dato un tema libero sperando che tu lo svolgessi abbastanza bene da rimediare una sufficienza ed essere promosso, anche se per il rotto della cuffia.

Guarda qua quel che hai scritto il 9 novembre 2019, in calce all’immagine dell’On. Liliana Segre:

Che buffonata esibire la scorta personale in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, il salotto della città.

Danielino, i due uomini della scorta sono in borghese, quindi non riconoscibili e non “esibiti”.

Inoltre: a) come scorta, non possono stare a venti metri di distanza dalla persona che devono proteggere; b) per percorrere la citata Galleria milanese non è obbligatorio esibire il 740 o avere un titolo nobiliare: infatti, ci passa chiunque.

Tutto questo presunto odio per la vecchina Liliana Segre, mi dà tanto di pantomima.

Primo, l’odio non è “presunto”, è documentato al punto tale che Liliana Segre ha appunto una scorta e non gliel’hanno data ne’ il Parlamento ne’ tuo zio, ma il Prefetto.

Secondo, si dice “mi sa tanto di…”, oppure bisogna riformulare la frase attorno all’espressione “se tanto mi dà tanto”. Errore da matita rossa.

Terzo, “vecchina” (nonostante la tua età) sembra essere la tua materia cerebrale e certamente lo è la tua attitudine superficiale e complottista.

Gli ebrei sono stati i creatori delle banche e gl’inventori dell’usura.

Balle, Danielino. Se la pratica di prestare denaro dietro interesse può essere fatta risalire ai Babilonesi, il concetto moderno di banca è nato nelle città italiane del Rinascimento e l’istituto del genere più antico è il Monte dei Paschi di Siena. O mi vuoi dire, ad esempio, che Giovanni “di Bicci” de’ Medici (Firenze, 1360 – 1429), fondatore del Banco Medici, era ebreo?

“Gl’inventori” come italiano fa proprio pena, anche se turandosi il naso l’Accademia della Crusca lo accetta. Errore da matita blu, più di forma che di sostanza.

Riconoscere i propri lati opachi, come quando si ammette un errore, può contribuire a migliorarne l’immagine. Soprattutto agli occhi della povertà mostruosa che popola il mondo.

Figliolo, il soggetto della prima frase qual è e dov’è? Chi ha i “lati opachi” e “migliorarne” a chi si riferisce? Di nuovo un errore da matita rossa.

La seconda frase ha come soggetto “la povertà”: che essendo la condizione di chi è povero non può avere occhi. E qui devo usare ambo i lati della matita, perché è un errore sia di forma sia di sostanza.

Capisci bene che non ti posso promuovere, vero? Tu hai dormito o giocato a battaglia navale non solo durante le lezioni di italiano, ma anche durante quelle di educazione civica. E se a casa hanno cercato di insegnarti la normale educazione, quella che prevede il rispetto per gli altri, tu hai dormito pure là.

Come dite acidi voi teorici dei complotti… svegliati, tesoro!

La tua maestra delle elementari.”

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Flavia Tobreira (1) ha un nuovo fidanzato: Benedetto Sibo, ventenne studente di legge, ha 49 anni meno di lei. I due hanno trascorso un weekend romantico a Maui, nelle Hawaii.

Flavia Breirato (2) ha un nuovo fidanzato: Benedetto Biso, ventenne meccanico con specializzazione in motorini truccati, ha 49 anni meno di lei. I due hanno trascorso un weekend romantico a Casalanguida (Chieti) in occasione della Festa della Madonna del Rosario.

Flavio Briatore (3) ha una nuova fidanzata: Benedetta Bosi, ventenne studentessa di legge, ha 49 anni meno di lui. I due hanno trascorso un weekend romantico a Malindi in Kenya.

Poco si sa del Sibo: tra le scarse informazioni sul suo conto figura l’incoronazione come Mister “Calamaro in carpione” a Sanluri, in provincia di Medio Campidano, nel 2017. Quella sera aveva dichiarato di sognare di fare lo chef e aveva dedicato il titolo appena vinto alla nonna pastaia. Anche secondo quanto riporta “Chi”, al giovane non dispiacerebbe il mondo della gastronomia. Presto potremmo dunque vederlo fra i fornelli su Rai Uno.

Poco si sa del Biso: tra le scarse informazioni sul suo conto figura l’incoronazione come Mister Sbronzo a Cortaccia sulla Strada del Vino, in provincia di Bolzano, nel 2017. Quella sera aveva tentato di fare una dichiarazione ma finì per vomitare sul microfono. Anche secondo quanto riporta “Chi”, al giovane non dispiacerebbe il mondo dell’intrattenimento pecoreccio e goliardico. Presto potremmo dunque vederlo ubriaco, mentre racconta barzellette preistoriche, alle feste di addio al celibato.

Poco si sa della Bosi: tra le scarse informazioni sul suo conto figura l’incoronazione come Miss Carnevale di Pietrasanta, in provincia di Lucca, nel 2017. Quella sera aveva dichiarato di sognare di fare la modella e aveva dedicato il titolo appena vinto alla mamma. Anche secondo quanto riporta “Chi”, alla giovane non dispiacerebbe il mondo della moda. Presto potremmo dunque vederla calcare le passerelle di sfilate e presentazioni.

(1) Donna d’affari pluripregiudicata, nata nel 1950.

(2) Donna delle pulizie incensurata, nata nel 1950.

(3) Uomo d’affari nato nel 1950, condannato alla prigione due volte per frode negli anni ’80 (poi amnistiato); mentre era latitante alle Isole Vergini americane si occupava del franchising di Benetton e nel 1990 fu incaricato di dirigere la squadra di Formula Uno della medesima ditta (Renault F1 nel 2002); nel 2008 risultò coinvolto nelle corse truccate del Grand Prix di Singapore e costretto a rassegnare le dimissioni l’anno successivo, nel quale fu pure bandito a tempo indefinito dalla Federazione Internazionale Automobilistica: il bando fu successivamente sollevato in tribunale.

Curiosamente, le sue “fidanzate”, compagne, mogli ecc. hanno sempre almeno vent’anni meno di lui e fanno le modelle: Naomi Campbell (nata nel 1970), Heidi Klum (nata nel 1973), Elisabetta Gregoraci (nata nel 1980). A essere maligni vien da pensare che a trent’anni corteggiasse bambine delle elementari – ma solo se erano Miss Caramella.

Adesso sarei curiosa di sapere due cose:

– perché le prime due “non notizie” da me confezionate saranno giudicate ridicole e la terza, vera, in grassetto no;

– considerato che la mia rassegna stampa mattutina non comprende giornali scandalistici, perché devo trovare i fidanzamenti di Briatore su quotidiani che si stimano “seri” – e soprattutto in questo tono servile e melenso.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Accappatoi

Caro Alessandro Bartezzaghi, temo sia indirettamente colpa sua: da quattro giorni un (o una) aspirante solutore di cruciverba scrive su google “si indossano fuori dall’acqua” e viene qua a leggere una – peraltro molto bella – poesia,

https://lunanuvola.wordpress.com/2018/03/30/fuori-dallacqua/

che però purtroppo non gli/le fornisce la definizione richiesta. Da 96 ore questa creatura fissa le caselline bianche e nere e soffre. E ogni volta che lo ritrovo sugli stats soffro un po’ anch’io, perciò spero che lei non si adonti se suggerisco: ACCAPPATOI, tizio o tizia, sono gli ACCAPPATOI.

Trattasi di vestaglie di spugna, con o senza cappuccio, usate per asciugarsi dopo il bagno o la doccia; portano questo nome anche le mantelline che i parrucchieri ti mettono sulle spalle prima di sbizzarrirsi sui tuoi capelli. Se non ne hai mai visto uno, ecco qua:

bathrobe

E adesso, ti prego, chiudi La Settimana Enigmistica, spegni il computer e va’ a fare una passeggiata. E’ ciò che per qualche giorno (il mio braccio non è guarito) farò anch’io.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: