Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘elezioni’

“Lucia Borgonzoni: Discriminata perché donna. Bonaccini mi fa passare per la velina. Irrispettoso.

La replica immediata del candidato Dem: Da me nessun attacco personale. L’unica critica è che sul territorio c’è più Salvini che lei.”

La candidata della Lega si è così lamentata in televisione aggiungendo (ovviamente) “non c’è una donna del Pd a dire che è una vergogna”. La donna del Pd presente in studio, Anna Ascani, ha immediatamente espresso (altrettanto ovviamente) la sua solidarietà.

Lucia Borgonzoni ripete, forse senza neppure saperlo, la sceneggiata che a suo tempo fu di Carfagna e altre. Della lotta contro il sessismo ha capito solo che potrebbe esserle utile in campagna elettorale per sminuire i suoi avversari politici: sminuendo, nel contempo e ancora forse senza esserne consapevole, l’istanza stessa. La situazione è presentata come “questi, ma soprattutto queste, denunciano le discriminazione quando fa loro comodo, ma se è una donna di destra a subirla fanno orecchie da mercante”. Non è vero – e gli esempi al proposito possono essere rinvenuti facendo una rapida ricerca sui quotidiani, o persino nello spazio minimale del presente blog – ma in questo modo il sessismo diventa una mera carta da giocare (esattamente come lo presentano molti uomini e in particolare quelli della sua sponda) per costringere altre donne, del tutto estranee alle vicende contestate, a scusarsi.

A considerare Borgonzoni una seconda scelta o qualcuno di “minore”, invece, è proprio il suo partito: nei manifesti che pubblicizzano la sua candidatura il suo volto neppure c’è, c’è quello del signor Salvini. E qui bisognerebbe porre delle domande alla sensibile Lucia: ha protestato, lei, per le donne e per le ragazze che Salvini mette regolarmente alla gogna sui social media qualora lo contestino? Ha seguito l’ossessiva campagna di Salvini contro Laura Boldrini e l’ha stigmatizzata? Ha trovato disgustosi e sessisti gli insulti e le vere e proprie diffamazioni di cui è stata bersaglio Carola Rackete? Conosco già le risposte. Se fossero affermative, Borgonzoni non si sarebbe mai candidata con la Lega.

A questo punto, mi resta solo da dire qualcosa alle donne che, come Anna Ascani, vengono introdotte di forza nel giochino truccato dalle Lucie di turno: la solidarietà non è un precetto religioso, ne’ una prescrizione medica salvavita. Non siamo obbligate a esprimerla ove non ve ne sia necessità alcuna e non per rigore intellettuale, ma per intelligenza politica. Se Borgonzoni posa da discriminata e noi la assecondiamo, stiamo riducendo il sessismo, il maschilismo, la misoginia, il patriarcato e la violenza che tutto ciò produce alla “lagna delle donne”, stiamo togliendo profondità e senso alla lotta per l’eguaglianza e insultando quelle che dal partito di Borgonzoni hanno ricevuto veri e propri assalti.

La prossima volta, chiedete alla leghista o alla sovranista o alla neofascista che si lamenta ad arte da dove vengono le discriminazioni che le donne subiscono. Chiedete se è d’accordo con le posizioni e le proposte allucinanti dei suoi colleghi di partito o dei suoi alleati – l’ex ministro Fontana, il senatore Pillon, il vecchietto onnipresente pluripregiudicato e stramiliardario che saluta i fan perché deve andare “a puttane” – e quale che sia la sua replica chiedetele se restando con costoro crede di far avanzare o arretrare la condizione femminile nel nostro Paese.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

28 ottobre 2019 – Risultati delle elezioni in Umbria: Salvini entra nel palazzo della Regione alle due del mattino e, dicono i giornali, “stappa una bottiglia di spumante sulle note del ‘Vincerò’ pucciniano e arringa i suoi: “I signori Zingaretti, Conte, Di Maio che occupano abusivamente il governo hanno i giorni contati”.

Allora, musica per musica:

woody

“Vi dirò, fascisti,

e ne sarete sorpresi,

la gente in questo mondo

si sta organizzando

Siete destinati a perdere

Voi fascisti siete destinati a perdere”

(“All You Fascists” – testo Woody Guthrie, musica Billy Bragg)

“Se avete una lista nera voglio essere in essa”

(“Waiting for the Great Leap Forward”, testo e musica Billy Bragg)

“Mentre i cieli si schiariranno

noi ci solleveremo sognando;

costruiremo la nostra città dalle ceneri

di quando il mondo bruciava.”

(“World’s on Fire” – testo Woody Guthrie, musica Jay Farrar)

Trad. MG Di Rienzo

Read Full Post »

9 agosto 2019, Salvini: “Abbiamo fatto una scelta di coraggio. Adesso chiedo agli italiani se hanno la voglia di darmi pieni potermi per poter fare quello che abbiamo promesso senza palle al piede. Chi sceglie Salvini sa cosa sceglie.”

Vorrei offrirvi un esempio di cosa ne pensano all’estero. L’articolo è del Daily Beast, 12 agosto, a firma della corrispondente Barbie Latza Nadeau: è inserito nella rubrica “Fai attenzione a cosa desideri” e ha per titolo “Il sogno populista di Steve Bannon distrutto dal gioco di potere di Matteo Salvini”.

In caso non sapeste chi è Bannon, si tratta dell’ex stratega di Trump, il co-fondatore di quella Cambridge Analytica che utilizzò per la campagna elettorale dell’attuale Presidente statunitense dati di utenti Facebook ottenuti illegalmente. Bannon sostiene gruppi / partiti di destra (“populisti”) in tutta Europa: per quel che riguarda il nostro Paese gli piacciono Lega, Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia.

Qui di seguito la traduzione di alcuni brani:

“ROMA – Non molto dopo la prima incursione nel vero populismo, con la formazione di un governo italiano eretico da parte del leader di estrema destra della Lega Matteo Salvini e del leader anti-sistema del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, Steve Bannon gongolava. Bannon disse a “The Daily Beast” che il mondo avrebbe osservato questo esperimento populista. Affermò allora che tale audace mossa, mettendo in coppia due contrari, si situava come terza dopo la Brexit e l’elezione di Trump in termini di politica sperimentale.

Quest’uomo, a cui spesso ci si riferisce come all’architetto della presidenza Trump, ha speso un bel po’ di tempo e impegno per l’Italia che vedeva come un grande test per la sua marca di populismo perturbatore. “Se funziona in Italia, funzionerà ovunque. – disse l’estate scorsa – Se funziona in Italia, dimostra che spezzerà la schiena ai globalisti.”

Ora, dopo appena un anno del mandato quinquennale del governo, il sogno di Bannon si è trasformato in un incubo e l’Italia si sta già dirigendo verso quella che appare come un’era post-populista con pesanti implicazioni di fascismo vecchio stile.

La scorsa settimana, sulle soglie di Ferragosto – la più importante vacanza estiva in questo Paese – Salvini ha tolto la spina al 65° governo dalla caduta di Benito Mussolini durante la seconda guerra mondiale. E Bannon, nel frattempo, se l’è filata, dicendo al “Corriere della Sera” la scorsa settimana che “non tutti i matrimoni funzionano”. “Penso che il matrimonio fra Salvini e Di Maio sia stato un nobile esperimento. – ha dichiarato – Vorrei vederlo continuare, sarebbe grandioso, ma capisco che potrebbe non accadere.”

Ora che la fine è prossima, le nuove elezioni potrebbero blindare Salvini, un personaggio trumpiano completo di simpatie per la Russia, atmosfere razziste e ossessione per i social media, dandogli pieni poteri. E l’Europa guarda di nuovo l’Italia trattenendo il fiato, chiedendosi cosa il post-populismo farà per l’euro zona a poche settimane dalla data di uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

(…)

Se Salvini è in grado di maneggiare ciò che solo tre anni fa sarebbe stata una salita al potere inimmaginabile per uno che citava Mussolini e indossava (come i vecchi fascisti) una camicia nera ai comizi, l’altro grande beneficiario oltre a lui stesso sarà Vladimir Putin. Tanto per cominciare, Salvini è un devoto sostenitore di qualsiasi cosa riguardi Putin, si è fatto fotografare in posa nella Piazza Rossa mentre indossava la sua maglietta pro-Putin preferita e ha guidato le grida di battaglia affinché l’Europa togliesse le sanzioni alla Russia.

Per mesi, Salvini è stato invischiato in uno scandalo su petrolio “sporco” e soldi russi che ha dominato i titoli dei giornali sino a che lui non ha dato inizio a questo gioco di potere la scorsa settimana. Un servizio della rivista italiana “L’Espresso” ha esposto nello scorso febbraio come “incontri segreti, viaggi, e-mail, strette di mano e contratti con milionari” dominassero lo schema. “Da un lato del tavolo i fedeli di Salvini, dall’altro i preziosi intermediari dell’establishment di Putin. Nel mezzo: benzina.”

(…)

Quando il governo cade, le elezioni devono essere tenute dai 50 ai 70 giorni successivi, il che è qualcosa che molti italiani non vogliono fare subito. Generalmente, gli italiani tengono le elezioni in primavera. L’ultima volta in cui si è votato in autunno era il 1919, e si trattò delle elezioni che aprirono la strada all’ascesa al potere di Mussolini.

Bannon è pronto a sostenere un governo guidato da Salvini, che si concentrerà su alcuni fondamenti dottrinari dell’amministrazione Trump, inclusi migrazione, sicurezza e economia. Parlando sempre con il “Corriere della Sera” dal confine fra New Messico e Messico, dove fa parte di un gruppo chiamato “Noi costruiamo il Muro”, Bannon ha detto che augura il meglio al suo amico italiano, che lui crede essere ora il “miglior leader” di cui l’Italia ha bisogno per muoversi in avanti. “Salvini si veste molto meglio di me. – ha scherzato – Sembra una star di Hollywood, è in forma.”

Che questo potere da star sia una cosa buona per l’Italia – o per dirla tutta per l’Europa – è questione interamente diversa.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

workers

Comunque sarà gestita la crisi politica italiana in atto, al voto dovremo andare in un prossimo futuro. Gli scenari consueti della propaganda elettorale sono comunque già installati e funzionanti: dall’aspirante padre-padrone che chiede pieni poteri per rimetterci tutti a posto a bastonate, al nonno un po’ scentrato che gli ha retto le falde della felpa sino a ieri e oggi si propone quale salvatore dell’Italia dalla deriva e dalla rovina.

Consuete anche le proposte/risposte “alternative” sino ad ora disponibili: federalismo regionale, gestione dell’immigrazione, sviluppo del mezzogiorno, investimenti per la formazione dei ceti imprenditoriali… non devo continuare, vero? E’ sempre la stessa indigeribile minestra, a cambiare sono unicamente i nomi dei cuochi. E, sempre come al solito, se si cerca di attirare l’elettorato con le parole d’ordine dell’avversario politico – solo infiocchettate di (sedicenti) moderazione e buonsenso – si perde. Si perde anche ricorrendo gli avversari in termini di “immagine”, mostrando dell’Italia una versione virtuale in cui sfilano personaggi da première e matinée che se sono donne parlano di trucco e tacchi e se sono uomini commentano la Formula 1. Se la situazione sono in grado di leggerla io, non dovrebbe essere difficile farlo per chi in tali analisi e disamine si dichiara specialista. Per favore, Sinistra e Centro-sinistra o quant’altro si collochi all’opposizione, lo chiedo da elettrice e non solo in mio nome: BASTA.

Date spazio alla gente comune. Date riconoscimento alla classe lavoratrice. Date solidarietà concreta alla lotta contro la violenza di genere. Date sostegno alle competenze, alle capacità, alla passione e alla tensione ideale verso un sogno differente. Non ci importa come sono fatte le persone che ci parlano, ne’ quel che indossano, ne’ dove vanno in vacanza, ne’ se piacciono ai dietologi: ci importa ciò che dicono, ciò che sanno e ciò di cui fanno esperienza.

ladies

E’ per noi fondamentale poterci riconoscere e rispecchiare in loro, persone che ci somigliano, che usano i nostri stessi mezzi pubblici, che vanno al lavoro nei nostri stessi luoghi o ricevono la pensione dagli stessi enti, che hanno le nostre stesse difficoltà con la sanità pubblica e la scuola e il welfare e la casa e il futuro in genere: è questo che riduce la distanza fra cittadini e politica, non la manfrina sulle autonomie regionali ne’ l’ennesima manifestazione di servilismo nei confronti degli abbienti. Guardate i volti che appaiono nelle immagini con cui ho illustrato questo pezzo. Sono quelli che vogliamo vedere. Sono i nostri.

Abbiamo bisogno del vostro coraggio. Abbiamo bisogno di vedervi balzar fuori da questo insensato balletto di slogan e rappresentazioni tanto virtuali quanto obsolete. Alcuni/e di voi lo vivranno come un salto mortale, lo capisco: ma vi assicuro che ad attendervi dall’altra parte c’è la rete di sicurezza delle nostre braccia intrecciate.

Maria G. Di Rienzo

lab worker

Non è facile vivere di sogni

Ma maggiori sono le difficoltà, migliore è il risultato

Love of the Common People, versione degli Stiff Little Fingers:

https://www.youtube.com/watch?v=zA9q7QF45pM

Read Full Post »

“Si assiste a una escalation della criminalizzazione delle condotte che è iniziata dall’immigrazione, dalle frontiere, ed è giunta alle riunioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero nelle piazze cuore del paese e luoghi dove i cittadini esprimono opinioni.

Questo peggiorato clima di relazioni sociali, che vede nella sola repressione di condotte ritenute devianti o comunque difformi ed in contrasto con il pensiero e i desiderata di chi governa, rischia di portare alla strumentalizzazione delle forze dell’ordine, viste come braccio armato e violento dell’esecutivo del momento, quasi a voler far tornare indietro di quarant’anni la storia. Il Silp si oppone a questo snaturamento della funzione democratica di tutela di tutte le persone e della civile convivenza.”

Daniele Tissone, segretario nazionale Silp Cgil, 6 luglio 2019

Da sette giorni aspetto che il Ministro Iperconnesso, Mago Salvì che fa sparire 49 milioni di colombe sotto una felpa – e infatti attorno a lui girano solo falchi – commenti “Bravo, questo poliziotto ha colto il problema, io sto con le forze dell’ordine!” Niente. Ne’ una diretta FB, ne’ un tweet.

Mentre attendevo, ho letto le trascrizioni dell’incontro italo-russo fra faccendieri (18 ottobre 2018) che al di là del proposito di finanziare la campagna elettorale leghista, spiega come il Ministro abbia altro da fare.

Gianluca Savoini, ex portavoce di Salvini, presidente dell’associazione Lombardia-Russia: “Salvini è il primo uomo che vuole cambiare tutta l’Europa. (…) Stiamo davvero cambiando la situazione in Europa. Ed è impossibile che ciò si arresti. La storia sta marciando, quindi è impossibile. È davvero un new deal, una nuova situazione, un nuovo futuro per noi. Siamo al centro di questo processo. Ma abbiamo molti nemici, siamo in una situazione pericolosa perché il nostro governo è attaccato da Bruxelles, dagli uomini globalisti, non da Trump, ma dall’establishment di Obama… molto, molto fortemente e internamente anche in Italia. Siamo in [inudibile] pericolosa/o… non è così semplice, ma vogliamo combattere perché siamo dalla parte della verità.”

Uno dei suoi accompagnatori: “Se avete qualche gulag, vi possiamo mandare qualcuno dall’Italia. Il gulag. Gulag. È uno scherzo, ma se avete un gulag, vi mandiamo un mucchio di gente.”

La “verità” ha bisogno di soldi e di campi di concentramento. Un Paese può ben andare a rotoli, per tale nobile scopo.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Dai giornali: “Un giovane di 25 anni è stato malmenato a Cremona da militanti leghisti durante un comizio del ministro dell’Interno Matteo Salvini, la sera dello scorso 3 giugno, ma il video che testimonia i fatti è stato diffuso solo negli ultimi giorni (…) Mentre il ministro parlava il giovane ha tirato fuori una sciarpa su cui c’era scritto “Ama il prossimo tuo”, tanto è bastato per prendersi spintoni e ceffoni dai presenti.”

Il ministro, dal palco, commenta: “Lasciatelo da solo, poverino. Un applauso a un comunista, perché se non c’è un comunista ai giardinetti non ci divertiamo. Mi fanno simpatia quelli che nel 2019 vanno ancora in giro con la bandiera rossa e la falce e martello. A Milano c’è il Museo della Scienza e della tecnica dove si studiano i dinosauri”.

La Digos, riporta sempre la stampa, ha identificato il giovane, ma non i suoi aggressori. Ci hanno provato, intendiamoci, ma c’era troppa confusione… Il “comunista” (???) ha riportato lesioni, come attestato dal personale dell’ambulanza presente sul luogo del comizio, ma evidentemente ha una prognosi inferiore ai venti giorni perché la denuncia d’ufficio non è partita e sempre i giornali spiegano che “ha 90 giorni di tempo per denunciare le lesioni subite” (art. 528 del Codice Penale).

Dunque, l’ex comunista padano (evidentemente lui si è de-dinosaurizzato), nonché ex membro del comitato di liberazione della Padania (oggi fervente patriota italico e sovranista), autoproclamato padre di 60 milioni di italiani – compreso il venticinquenne con sciarpa – pensa che l’invito ad amare il proprio prossimo sia comunismo conclamato e meritevole almeno di dileggio: che sia meritevole di pestaggio lo pensano comunque i suoi sostenitori.

Voi direte: ma “ama il prossimo tuo” sta nel catechismo della chiesa cattolica! E avete ragione, le conosciamo come parole di Gesù: “Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c’è altro comandamento più importante di questo.” (Mc 12,29-31). Ma vedete, l’interpretazione è tutto. Il ministro leghista Fontana ha già chiarito in televisione che il catechismo bisogna guardarlo meglio, nella fattispecie indossando i suoi occhialini bigotti: “Ama il prossimo tuo, quello nella tua prossimità. Prima di tutto cerchiamo di far star bene le nostre comunità.” E’ un astigmatismo più etico che fisico, comunque ha l’effetto di restringere ai minimi termini empatia, solidarietà, giustizia sociale, rispetto delle persone e dei loro diritti umani.

L’unica nota positiva dell’episodio cremonese la danno i risultati elettorali: nonostante l’impegno messo nella sguaiata performance del 3 giugno, i bulli hanno perso (ha vinto il centrosinistra). A proposito, sig. Salvini: # 60 milioni meno un‘altra ancora – io.

Maria G. Rienzo

Read Full Post »

La più recente delle tendenze in politica – in Italia e non solo – è, in sintesi, agire come se i periodi elettorali e le relative campagne non finissero mai. Il quadro della competizione fornisce una scusa per l’aggressività smodata e per pesanti attacchi diretti alle persone in quanto tali e non alle loro posizioni politiche: è solo un appassionato desiderio di vincere, abbiate pazienza, succede di esagerare un po’ ma… in fondo era solo ironia, doppio senso, umorismo, scherzo. Quando poi vi sono davvero elezioni in corso il trend si amplifica sino a raggiungere l’abominevole.

Il prossimo 9 giugno abbiamo una serie di ballottaggi per le elezioni locali e già due iniziative “elettorali” leghiste in perfetta linea – pericolose e sguaiate – hanno raggiunto la cronaca.

A Ferrara il candidato comunale Solaroli mette online un video in cui mostra di andare a letto con la propria pistola Beretta ed esorta alla massima condivisione dello stesso. Si augura che divenga “contagioso”. Il signore purtroppo non sa che non c’è assolutamente bisogno del suo aiuto come untore della violenza, in questo campo.

Il rapporto 2018 di Small Arms Survey – il gruppo di ricerca del Graduate Institute of International and Development Studies, che lavora in base alla Dichiarazione di Ginevra sulla violenza armata e lo sviluppo del 2006 – stima in 8.609.000 le armi in mano a civili nel nostro Paese. A livello globale più di 740.000 persone muoiono ogni anno grazie alle armi leggere: costo umano. Il danno economico tocca i 163 miliardi di dollari – è lo 0,14 del PIL mondiale. La diffusione delle armi leggere è considerata dalle Nazioni Unite una seria minaccia agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Di quant’altro contagio avremmo bisogno, secondo il sig. Solaroli? Non sarebbe il caso di cercare una cura, invece di gongolare diffondendo la malattia?

La seconda pensata è questa:

solita solfa

Il parlamentare Paolo Tiramani lavora di Photoshop per incitare i suoi concittadini vercellesi a non rivotare la sindaca Maura Forte. Non tutela i loro interessi? Ha svolto male il suo mandato? E’ implicata in qualche episodio di corruzione? No. Tutto questo potrebbe essere riferito a una pletora di politici che stanno mantenendo i deretani incollati alle loro poltrone, leghisti compresi. Il motivo per cui non si dovrebbe votare la sindaca lo vedete – si nasconde dietro i cosmetici, ma in realtà è BRUTTA.

In una società che presenta ossessivamente le donne come oggetti per la soddisfazione sessuale maschile, questa è invero l’unica preoccupazione che un elettore dovrebbe avere: la candidata alla tal carica istituzionale mi fa avere erezioni o no? Quali idee e competenze abbia è del tutto irrilevante. Se ha le tette rifatte e un bel culo e si veste come un’idiota con profusione di spacchi e trasparenze e scollature ecc. è più che sufficiente, chi se ne frega se di politica non sa una beata mazza. L’Italia può ben continuare ad andare a rotoli sino alla distruzione: prima i piselli!

Guardate, le elezioni sono un principio fondamentale della democrazia ma obiettivamente sono anche una spesa. Potremmo risparmiare assegnando le cariche, con voto televisivo, alle partecipanti ai concorsi di bellezza o prendendo direttamente deputate e consigliere ecc. dal parco veline / ballerine / serve mute che occupa già il 99% dello spazio femminile sui media.

Se poi devono votare qualcosa di cui non sanno nulla non ha importanza. Nemmeno i loro colleghi maschi sono così ferrati, perché nemmeno a loro è richiesto di avere idee, abilità e capacità politiche. Il requisito per gli uomini è aderire come il Bostik al Capo e ripetere come pappagalli i suoi slogan e le sue azioni. Nessuno ti misura i fianchi ed è invero un sollievo, ma sempre un incapace – al meglio inutile, al peggio dannoso – resti.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: