Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘discriminazione’

Coincidenze bizzarre:

– il 21 giugno, ieri, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro ha festeggiato benissimo il centenario durante la sua 108^ Conferenza, mettendo ai voti e vedendo approvate Convenzione su lotta a molestie e violenza sul luogo di lavoro (legalmente vincolante per gli stati), Raccomandazioni relative (consigli e guida su come farlo, non vincolanti) e la Dichiarazione sul futuro del Lavoro, che mette gli esseri umani e i loro diritti umani al centro del discorso. La Convenzione entrerà in vigore dopo 12 mesi dalla ratifica da parte delle singole nazioni, fra cui l’Italia.

Sull’approvazione della Convenzione, la dirigente dell’Organizzazione Manuela Tomei (Workquality Department) ha detto: “Senza rispetto, non c’è dignità al lavoro e, senza dignità, non c’è giustizia sociale. E’ la prima volta che una Convenzione e delle Raccomandazioni su violenza e molestie nel mondo del lavoro sono adottate. Ora abbiamo una definizione condivisa di violenza e molestie. Sappiamo cosa dev’essere fatto per prevenirle e affrontarle e da chi. Speriamo che questi nuovi standard ci guidino nel futuro del lavoro che vogliamo vedere.”

– sempre il 21 giugno rimbalza qua e là sui quotidiani il nuovo regolamento per la polizia locale di Cittadella (Padova), comune governato dalla Lega. Il focus delle prescrizioni dovrebbe essere “la sicurezza” – naturalmente intesa in senso salviniano – e in effetti esse prevedono assetti antisommossa, maschere antigas ecc., ma l’imposizione di un lunghissimo, dettagliato e spesso ridicolo codice di abbigliamento per le vigili (1) non sembra incastrarsi bene nel quadro.

Prima di entrare nei dettagli, ecco la dichiarazione al proposito del comandante dei vigili di Cittadella, Samuele Grandin: “I nostri agenti sono tenuti ad avere un aspetto consono. Siamo forze dell’ordine a tutti gli effetti, per cui vige un principio militaresco. Chi sceglie questo lavoro deve capire che non siamo un’armata Brancaleone, e per chi non si adegua scatteranno i procedimenti disciplinari.” Nel presentare il nuovo regolamento ai consiglieri comunali (costui) ha insistito molto sull’importanza della forma fisica e sulla necessità di mettere in campo misure adeguate anche in funzione antiterrorismo.”

La polizia municipale, in Italia, è un corpo a ordinamento civile, i corpi di polizia a ordinamento militare sono guardia di finanza e carabinieri, per cui i principi militareschi (propri cioè dei militari – dizionario della lingua italiana docet) con i vigili non hanno nulla a che fare. Molto militaresca, per contro – per estensione, spregiativo, sempre citando il dizionario – appare la minaccia di sanzioni per chi dovesse obiettare.

Tornando alle prescrizioni per ottenere un aspetto consono a non si sa cosa, “tra i requisiti per l’accesso, sia di maschi sia di femmine, è prevista una “distribuzione del pannicolo adiposo” che rispecchi una forma armonica, con tanto di percentuali di massa magra e massa grassa per maschi e femmine”. Sarebbe interessante, al proposito, sapere chi ha definito l’armonia (Leibniz e le sue monadi?) e quale autorità scientifica, in base a quali studi / ricerche, ha definito le percentuali. Inoltre: il personale già in servizio che non potesse o non volesse raggiungere gli standard indicati nel nuovo regolamento sarà licenziato?

Comunque, se ai vigili di sesso maschile si ordina di curare barba e baffi e di non portare basette a punta (?), le vigili hanno una lista di prescrizioni assai più lunga che norma: colore, forma, lunghezza dei capelli (per esempio la lunghezza di un’eventuale frangia “non deve eccedere al di sotto delle sopracciglia”) e accessori per gli stessi (“di dimensioni ridotte e di colore tale da risultare poco appariscenti”); cosmetici (“tenui”, “smalto per unghie trasparente”); gioielli (orecchini solo se non pendenti e sempre in coppia, fra gli anelli sono permessi solo la fede e quello di fidanzamento: e se lo stato civile conferma la prima, non è noto come si verificherà che il secondo corrisponda a una relazione sentimentale ufficiale); capi di abbigliamento, dai collant “tinta carne o beige” da indossare “sia d’inverno che d’estate, salvo specifiche e temporanee autorizzazioni da parte del medico competente” alla coppia mutande/reggiseno nei medesimi colori (obbligatoria “con ogni tipo di uniforme”).

La Convenzione citata all’inizio definisce violenza e molestie come comportamenti e pratiche che “mirano a, o risultano in, o potrebbero risultare in: danno fisico, psicologico, sessuale ed economico”; ciò “può costituire una violazione o un abuso dei diritti umani” ed è “una minaccia per le pari opportunità, inaccettabile e incompatibile con un lavoro decente”.

La sessualizzazione e l’oggettivazione delle lavoratrici, spinta sino a normare il colore delle loro mutande, temo ricada nella suddetta descrizione. E francamente non riesco a vedere i benefici che i collant obbligatori (anche se le vigili indossano pantaloni?) porteranno alle misure antiterrorismo.

Però, sapete, c’è anche chi ha chiuso un articolo al proposito così:

“Del resto l’attenzione di Cittadella alla sicurezza ha una storia antica, racchiusa com’è fin dal Medioevo dalla cinta muraria fatta erigere da Ezzelino per favorire la colonizzazione del territorio verso Treviso, ancor oggi perfettamente conservata.” (Repubblica, 21 giugno – la parola evidenziata, nel testo, l’ho sostituita io. L’originale era probabilmente un refuso: amor. O forse no. Resta il fatto che con la palese discriminazione sessista subita dalle vigili non c’entra una beata mazza.)

Maria G. Di Rienzo

(1) La parola “vigile” termina in “e”. E’ uno di quei casi in cui basta modificare l’articolo per indicare il sesso a cui ci si riferisce, senza ricorrere al suffisso spregiativo “essa”.

Linguiste/i e studiose/i spiegano come e perché da almeno un ventennio perciò, in caso non stia bene a qualcuno, questo qualcuno può fare le sue ricerche e persino piazzare una petizione su Change.org, ma è inutile che chieda a me di modificare le mie scelte. Es claro?

Annunci

Read Full Post »

manichini

L’immagine riprende una sezione del “reparto donne” della Nike in Oxford Street, a Londra. La presenza del manichino in primo piano fa parte dell’impegno preso dall’azienda a onorare diversità e inclusione, quello per cui l’ex atleta e attivista antirazzista Colin Kaepernick è diventato un loro testimonial. Poi, non è che la Nike sia tutta umana nobiltà e non ci guadagni: le persone di colore e quelle di sesso femminile sono più invogliate a fare acquisti dove si sentono benvenute, ma le donne in particolare sono in effetti più inclini a comprare un capo d’abbigliamento se esso è presentato su un manichino che assomiglia al loro corpo (sul tema c’è anche un recente studio dell’Università di Kent). L’anno scorso, adottando questa strategia, il marchio di biancheria intima “Aerie” ha incrementato le vendite del 38%, contro il passivo prima e il modesto + 1% finale realizzato nello stesso periodo dai prodotti di “Victoria’s Secret” (sempre pubblicizzati dagli “angeli”, le prevedibili modelle sottilissime, abbronzate e ritoccate al computer).

Il manichino della Nike, ancora una rarità fra le migliaia di pupazzi scheletrici in vista in tutte le vetrine del mondo, ha però infastidito i cultori e cantori della “grassofobia” – sono quelli che danno dei malati, dei tossicodipendenti da cibo, degli schifosi pigri e ingordi agli individui le cui caratteristiche corporee non corrispondono agli attuali interessi economici delle industrie farmaceutiche, dietetiche, cosmetiche, ecc.

Su “The Telegraph”, per esempio, è apparso un articolo che in fase di redazione deve aver sciolto con il vetriolo la tastiera della sua ignorante autrice: “Quella (ndt. il manichino) è obesa sotto tutti gli aspetti e non si sta preparando a una corsa nel suo scintillante abbigliamento Nike. Lei non è in grado di correre. E’ più probabile che sia pre-diabetica e che stia aspettando una protesi all’anca.”

Naturalmente una valanga di donne larghe che fanno sport per piacere o che sono delle vere e proprie atlete l’hanno mandata dove meritava di andare. Alcune maratonete, in questo gruppo, hanno chiesto alla cafona giornalista se vuol venire a correre con loro, così vede se riesce a provare le stronzate che spara.

Io non so ovviamente come sia nato l’odio di questa persona per altri esseri umani che semplicemente vivono le loro vite e non le stanno facendo nulla, ma so da dove prende le informazioni scorrette che lo alimentano: da ogni media a sua disposizione. Se oggi, per ventura, avesse scorso dei quotidiani italiani, avrebbe trovato su ognuno di essi un pezzo sull’imperativa necessità – per le donne – di perdere peso, subito e con ogni mezzo necessario (c’è persino il folle “Dimagrire: la dieta del gelato” sulla prima pagina odierna di giornali a tiratura nazionale).

Il dato davvero interessante di tale ossessiva campagna è questo: non ha nulla a che fare con la salute delle donne.

1. Che il grasso sia una “malattia” l’ha detto nel 2013 l’Associazione dei medici statunitensi, di cui fanno parte diversi azionisti o consulenti dell’industria dietetica – e già questo inficia un po’ la dichiarazione (conflitto di interessi), inoltre l’Associazione ha una storia pesante di parametri su patologie stabiliti “ad minchiam”.

Lo hanno detto, ma non sono stati in grado sino ad ora di provarlo scientificamente. Nello stesso rapporto, hanno dovuto tra l’altro ammettere che gli individui “sovrappeso” hanno un rischio più basso di morte prematura degli individui con peso “normale” e che non c’è relazione diretta fra l’essere grassi e il morire prematuramente. C’è ormai una vasta letteratura sul “paradosso” del grasso corporeo, basata sui dati: pazienti con patologie cardiache e peso non “normale” vivono meglio e più a lungo dei loro corrispettivi specchi della fitness.

Dunque, che caxxo di malattia è quella grazie a cui ho un’aspettativa di vita più alta?

2. Guardare un pezzo di plastica sagomato e dedurre che sta per diventare diabetico e dovrà sottoporsi a intervento chirurgico è francamente idiota. Ma non meno idiota del guardare un corpo umano e prodursi nella stessa diagnosi.

Il fatto è che sul diabete di tipo 2, o mellito, l’associazione peso/malattia è fallace: molte persone magre sviluppano il diabete, molte persone grasse no. La ricerca scientifica non dà attualmente al proposito conclusioni definitive: non è chiaro se l’obesità causi il diabete, se sia il diabete a causare l’obesità, o se ambo le condizioni siano causate da fattori terzi come nutrizione povera, stress o eredità genetica. Vedete, io prima di scrivere qualsiasi cosa faccio i compiti a casa – e mi sciroppo interi studi di facoltà universitarie di medicina e serie complete di riviste scientifiche.

3. Un fattore di rischio legato al peso corporeo, certo e comprovato, c’è: è però grandemente sottostimato. Si tratta dell’effetto che la discriminazione, gli svergognamenti, il bullismo nei confronti delle persone grasse hanno sulla loro salute, sulla qualità delle loro esistenze e sulla durata di queste ultime (a cui spesso pongono fine prematuramente e volontariamente, soprattutto se femmine).

Medici e paramedici non sono esenti da pregiudizi in virtù delle loro lauree e diplomi, sono bombardati dalla campagna “grassofoba” quanto gli altri e spesso associano arbitrariamente il grasso alla scarsa salute e la scarsa salute all’immoralità (sei malato di ciccia e se sei malato di ciccia è colpa tua): un gran numero di persone ricevono diagnosi sbagliate perché il dottore di turno si limita a dar loro uno sguardo schifato e a consigliare il dimagrimento – in assenza di terapie adeguate ai loro veri problemi di salute, che con il grasso non avevano niente a che fare, ovviamente queste persone peggiorano e magari schiattano, ma cosa volevano aspettarsi? Erano delle merde ciccione, no? Gli sta bene!

Chi deve soffrire ostilità, battute del menga, reprimende ecc. negli ambulatori finisce logicamente per frequentarli il meno possibile: perciò le donne classificate come “sovrappeso” crepano più spesso di cancro cervicale – ma non lo causa il grasso, è che non vanno a fare il Pap test e se ne accorgono quando è troppo tardi.

Molte donne rispondono alla propria umiliazione continua smettendo di fare ciò che loro piace (pattini, pallone, danza… ma come ti permetti? SEI GRASSSSAAAAA!!!!) e persino uscendo di casa il meno possibile (o non uscendo proprio più: d’estate vai in giro con le spalle scoperte e i calzoncini? Ma come osi mostrarci il tuo lardo che dondola? SEI GRASSSSAAAA!!!!). L’imperativo urlato, costantemente aggressivo e spesso violento, di somigliare alle figurine della pubblicità conduce migliaia di bambine, ragazze e donne a sviluppare disturbi alimentari e problematiche legate all’immagine corporea. Molte ne portano le cicatrici per sempre, molte ne ricavano problemi di salute mentale e fisica, molte ne muoiono – se non le uccide l’intervento di liposuzione o di resezione dello stomaco, possono sempre buttarsi dal balcone o sotto il treno. E lo fanno.

4. Nonostante tutto ciò, c’è in giro il curioso convincimento che lo svergognamento relativo al peso corporeo debba essere accettato da chi lo riceve, perché si tratterebbe dell’espressione di preoccupazione per la sua salute. Una preoccupazione falsa, disinformata, stupida e brutale che nega rispetto, dignità e diritti umani a chi la riceve. Be’, tenetevela. Ai nostri corpi ci pensiamo noi.

La vulgata “grassofoba” dice che chi viene preso a pesci in faccia dovrebbe tenere gli occhi bassi, vergognarsi, assicurare che farà del suo meglio per diventare uno stuzzicadenti e scusarsi per il suo “corpo disobbediente”. Ma è mezzo secolo che io disobbedisco alla violenza patriarcale, ai dettami sessisti, agli stereotipi misogini. Figuratevi se smetto adesso o se smetto di incoraggiare altre/i a fare altrettanto.

Maria G. Rienzo

Read Full Post »

yumi

Quando, la settimana scorsa, Yumi Ishikawa – in immagine – ha ottenuto attenzione internazionale per la sua campagna contro i codici di abbigliamento imposti alle donne sul lavoro (in particolare contro l’obbligo di indossare scarpe con i tacchi in determinati ambienti), ha dovuto affrontare in sequenza tutti gli stadi del rigetto che ogni rivendicazione simile da parte femminile, in qualsiasi zona del pianeta, guadagna ormai a prescindere. I due fattori determinanti per questo sono l’ignoranza quasi totale delle condizioni in cui vivono le donne “comuni” (cancellate da pettegolezzi infiniti sulle celebrità, sfilate di modelle silenti e parate di vallette mute, sfide “erotiche” fra influencer sul web e così via) e l’incapacità manifesta di collegare i diversi tipi di discriminazione sessista al quadro che li comprende.

1. Gli uomini in posizione di potere non ascoltano, neppure se gli presentate ventimila firme a sostegno del vostro reclamo (il che significa che almeno ventimila altre lavoratrici si sentono come voi e ciò dovrebbe, in teoria, valere un minimo di discussione). Il Ministro del Lavoro giapponese, Takumi Nemoto, ritiene che l’obbligare le donne a indossare scarpe con i tacchi sia “accettato socialmente come necessario e appropriato a livello occupazionale”. La salute e la sicurezza di chi lavora? Sì sì, devono essere protette ma sapete, ha aggiunto il Ministro, “i lavori variano”.

2. In effetti, dei danni che subite non frega un piffero a nessuno, nemmeno quando quel che testimoniate è ovvio: stare in piedi per ore e ore sui tacchi fa male. Ishikawa ha scritto del dolore ai piedi, dei problemi alla schiena, della difficoltà a muoversi, dell’impossibilità di correre qualora si palesi un pericolo ecc. Ma le aziende (consigli d’amministrazione a schiacciante maggioranza maschile) e i clienti uomini sono più felici se vedono una donna sorridere a denti stretti mentre ondeggia sui tacchi e si rovina la spina dorsale, persino quando come Ishikawa lavora a tempo determinato in una cappella funeraria (la 32enne è attrice e scrittrice).

3. Molti di questi uomini sono così oltraggiati dal fatto che abbiate aperto bocca da prodursi immediatamente nell’assalto online – e il relativo anonimato permette loro di mostrare esattamente quanto sono incivili – perciò Ishikawa è stata sommersa da insulti sessisti. Persino le cose più blande che le sono state dette sono così stupide da far piangere: “Perché tanto chiasso? Se devi parlarne fallo con i tuoi datori di lavoro.”, “E gli uomini allora? Non devono mettere le cravatte?”, “Ho letto che alle donne piace il senso di magia e femminilità che acquistano sui tacchi alti”.

Traduzione: Stai zitta, e comunque è un problema tuo, non tentare di mostrarne le radici sociali. Gli uomini soffrono, stanno peggio e non si lamentano. Sei una vera donna, o cosa?

Un minimo di approfondimento: a) Non sono giunti dati sui danni alla salute provocati dalla cravatta ai colli degli uomini, ignoriamo anche quanti ci si siano effettivamente strozzati e siano passati dalla cappella funeraria di cui sopra – id est, non avendo prove a sostegno, questa roba resta una ridicola lagna per quanto sia perfettamente vero che le cravatte non dovrebbero essere imposte. Perché invece di prendervela con Yumi Ishikawa non date inizio alla vostra campagna in merito?

b) Storicamente, le scarpe col tacco hanno fatto il loro debutto nel 16° secolo, ai piedi degli uomini della cavalleria persiana, prima di migrare agli eserciti europei e alle corti reali pure europee: confesso di dubitare fortemente che i cavalieri le indossassero per sentirsi magici e femminili.

4. Ma ci sono pure donne offese dalla vostra visibilità. Da quelle che manco hanno letto la vostra petizione (Ishikawa aveva chiarito a priori di non aver nulla contro le scarpe alte in sé, ma solo contro l’obbligo di indossarle – non avrebbe dovuto essere necessario, tuttavia l’andazzo attuale ci costringe persino a scusarci continuamente di esistere) e vi chiedono perché volete proibire loro di scegliere, alle immancabili “benaltriste”: la nazione ha problemi più gravi, vi dicono costoro, della trivialità che avete sollevato. E che il Giappone con le donne abbia davvero problemi è assodato – nella lista mondiale dell’eguaglianza di genere si piazza al 110° posto su 149 paesi. Il divario sui salari segna il 25,7% in meno per le donne a parità di mansioni. Quattro società su cinque di quelle quotate in borsa non hanno donne nei loro consigli d’amministrazione. Durante la recente abdicazione dell’imperatore Akihito alle donne non è stato permesso entrare nella sala della cerimonia. L’anno scorso nove facoltà di medicina hanno ammesso di truccare gli esami d’ammissione per escludere le candidate donne. L’11 giugno u.s. le donne erano in piazza a protestare contro il verdetto del tribunale che ha assolto il padre stupratore seriale della propria figlia 19enne: i giudici hanno detto che anche se “il sesso era non consensuale” non era possibile “provare che lei avesse resistito”. La nazione permette l’oggettivazione sessuale delle minorenni con il giro d’affari detto “joshi kosei”, ovvero la fornitura di “servizi” da parte di giovani donne in uniformi scolastiche.

Tokyo distretto Akihabara

(Controllo di polizia dell’età di un gruppo di esse)

La prostituzione richiesta alle ragazze in uniforme è nascosta da offerte di riflessologia plantare e di massaggi vari, sessioni fotografiche e “laboratori” in cui le giovani offrono visione delle loro mutande mentre fanno origami o creano oggetti con perline. Ufficialmente i clienti non devono toccarle, ma quelli che non vogliono masturbarsi a casa possono non ufficialmente ottenere di più. Le ragazze che finiscono in questo giro sono, com’è ovvio, le più povere e quelle la cui autostima è stata distrutta dall’infinito assalto dei messaggi sessisti loro diretti.

Cosa lega insieme tutto questo? La discriminazione di genere figlia del patriarcato, punto e basta. Ecco perché i tacchi obbligatori sul lavoro contro cui Ishikawa protesta non possono essere esclusi dalla lotta per i diritti umani delle donne. Sono una delle tante facce della violenza, quella che ama mascherarsi da “bellezza”.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

(“The Gambia – Isatou Touray, Women’s Advocate, Appointed Vice President of The Gambia”, UN Women, 16 maggio 2019, trad. Maria G. Di Rienzo. Isatou Touray, in immagine, è stata nominata Vice Presidente del Gambia. Il giorno in cui potrò votare nel mio Paese una donna simile, saprò che la politica italiana si è mossa verso la civiltà.)

Isatou Touray

Sono nata a Banjul, dove ho ricevuto la mia istruzione. Inizialmente ho lavorato come insegnante e sono stata assegnata a varie parti del paese, incluse le aree rurali. Ho notato che le donne lavoravano più di 18 ore al giorno e percorrevano lunghe distanze per raccogliere legna, portando i loro bimbi sulla schiena.

Insegnando artigianato domestico, ho lavorato con loro su attività quali il migliorare la salute della famiglia tramite l’educazione alimentare e lo sviluppo delle competenze per generare reddito. Ho compreso che queste donne erano anche sfruttate e che le loro preoccupazioni non erano prese in considerazione nella maggioranza delle attività legate allo sviluppo. Vedevo che venivano mobilitate affinché partecipassero ai laboratori e poi nulla tornava loro indietro. Venivano da me chiedendo: “Che ne è stato delle promesse fatte dal Ministero?”

Da quel momento in poi mi sono impegnata nell’attivismo della società civile. Ho coinvolto comunità tramite il risveglio della consapevolezza e l’addestramento. Ho usato le informazioni raccolte sul campo per coinvolgere lo Stato e chiedere assunzione di responsabilità. Ora appartengo a diverse reti e le esperienze che ho guadagnato da queste iniziative globali vengono diffuse per dare alle comunità, ai decisori e ai legislatori la forza di portare avanti l’agenda femminista sullo sviluppo.

Ho anche fatto ricerca per il dottorato. Ora sono direttrice del Comitato gambiano sulle pratiche tradizionale che hanno impatto sulla salute di donne e bambine (GAMCOTRAP), un’organizzazione pro-diritti delle donne che ho contribuito a fondare nel 1992 per promuovere la salute e i diritti riproduttivi, e lavorare per eliminare la mutilazione genitale femminile.

Definisco me stessa una femminista perché credo nel potere e nell’anima delle donne.

Non devo agire come un uomo o mostrare tendenze macho per farmi accettare in determinati contesti. Sento che i miei diritti fanno parte del tutto e quel che io scelgo non dovrebbe costituire una ragione per discriminarmi. Ho visto come le donne sono tenute subordinate in varie culture, tradizioni e religioni. Ho visto e fatto esperienza delle incongruenze di interpretazione su istanze che riguardano la mia vita e come queste si manifestino in modi differenti per gli uomini. Tutte le suddette esperienze che ho accumulato negli anni hanno fatto di me una femminista.

Se il femminismo concerne la liberazione delle donne io ho scelto di fare esclusivamente questo.

Se il femminismo concerne l’autodeterminazione delle donne e il riacquistare la mia integrità, io ho scelto di viverlo!

Sono un’attivista femminista perché mi piacerebbe vedere una trasformazione che dia a uomini e donne uguali opportunità di realizzazione personale. Voglio avere una parte nel creare un mondo senza discriminazione, un mondo che riconosce come la diversità ci consenta di vivere in pace e armonia gli uni con gli altri.

Di recente mi sono presa l’impegno di scrivere delle nostre esperienze e di documentare il nostro lavoro per la posterità e per il pubblico accesso. Dobbiamo lasciare un’eredità che sia ricordata in futuro.

Read Full Post »

“E così anche quest’anno c’è chi sale sul palco del Primo maggio convinto che anche le canzoni possono servire a cambiare le cose. All’ordine del giorno, c’è la questione delle donne: sono troppo poche quelle invitate, dicono. Ma è probabile che, a un certo punto, qualcuno tirerà fuori anche una polemica più politica, com’è tradizione.”

Odierna opinione di un blogger dell’HuffPost italiano. Non spiega come mai la mancata rappresentazione delle donne (non solo al Concerto del Primo Maggio, ovviamente) sia questione “non politica” o “non sufficientemente politica”. L’esclusione, la discriminazione, la sessualizzazione coatta, la violenza di genere, i due pesi e le due misure per ogni cosa riguardi le donne… è POLITICA.

Sempre sulla manifestazione citata, l’HuffPost e si premura di informarci che Ambra (Angiolini) torna a prendere posizione dopo che già nella giornata di ieri aveva parlato della scarsa presenza femminile sul palco del “concertone”. “Poche donne sul palco del Concertone del Primo Maggio a Roma? I problemi sono altri, il male è altrove. (…) invece di contare il numero delle artiste donne, di fare liste di maggioranza o minoranza, perché non parliamo del diritto ad avere lo stesso salario degli uomini, della possibilità di lavorare e fare carriera anche con un figlio?”.

Quando dici “mi duole l’alluce” e qualcuno ti risponde che i problemi sono ben altri – o, nei casi di cialtroneria più grave, che lui/lei però ha mal di schiena e non ci sono più le mezze stagioni – è ora di dare a costui/costei qualche informazione: ci sono SEMPRE problematiche e difficoltà ulteriori e diversamente collocate, ciò non giustifica e non cancella l’errore / l’ingiustizia / il dolore per cui si chiede riparazione qui ed ora.

Me ne sbatto delle liste di minoranza o maggioranza, i numeri delle donne ovunque dicono quanto esse contano per l’organizzazione, il settore, l’istituzione, ecc. in cui quei numeri si trovano: e quindi, anche per chi costruisce l’evento del Concertone le donne hanno meno valore e contano poco, per scelta POLITICA.

Ma forse non dovrei prendermela con quell’accozzaglia di niente, a livello giornalistico, che l’HuffPost è diventato ovunque. In fondo hanno online anche impegnatissimi articoli che trattano di pregiudizi, come quelli di cui dice di soffrire la povera nipote di Ferruccio Lamborghini, fondatore dell’omonima casa automobilistica, Elettra (che canta e balla e fa tv): “Viviamo in un mondo nel quale, se sei bella e ti sei laureata alla Bocconi con 110 e lode, dicono che ci sei riuscita perché sei bella”. Immagino che questo sia stato per lei di gravissimo impedimento, dato anche il difficile retroscena economico da cui proviene. E il suo – peraltro esiguo – lavoro “artistico”, con quella cima di Sfera Ebbasta o da solista, mostra invero tutta la profondità della sua cultura da 110 e lode.

Io non so in che mondo viva questa donna: in quello in cui vivo io ci sono un bel po’ di laureate che non riescono a ottenere un lavoro adeguato alle loro qualifiche perché non rispondono ai sacri standard di scopabilità vigenti o si rifiutano di fare servizietti a chi deve selezionarle o, qualsiasi cosa facciano o non facciano, viene comunque scelto un uomo al loro posto (in genere meno capace, ma uomo e con amicizie / raccomandazioni “giuste”). Scelta POLITICA, anche questa.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Ieri (6 aprile), il Secolo XIX lancia un sondaggio online dal titolo: “Minacce e offese su Internet, è giusto inasprire le sanzioni?” Nella presentazione si legge, tra l’altro:

“(…) il Parlamento ha appena approvato una legge che si occupa della “vendetta” in Rete da parte di chi diffonde immagini di scene sessuali avute o carpite o scattate a estranei o anche a conoscenti e persino a persone care. (…) Il fenomeno vi preoccupa? Vi siete mai imbattuti in immagini del genere? Negli ultimi anni il problema è cresciuto? Quali sono le “categorie” di persone più colpite? (…) La nuova legge prevede sino a 6 anni di carcere per chi diffonde immagini a sfondo esplicito sessuale senza consenso della persona che è ritratta: siete d’accordo?”

Il tono è neutro, nel senso che sottende come chiunque potrebbe essere oggetto di “vendetta” con proprie “immagini di scene sessuali” diffuse su internet, e usa il maschile plurale come universale. Sebbene questi siano parametri tipici dei sondaggi, l’usarli in questo contesto fornisce una prima descrizione della situazione non rispondente alla realtà. E’ infatti già arcinoto che la “categoria” di persone più colpite (possiamo dire tranquillamente al 99% e solo per lasciare spazio all’imprevisto) ha sulla propria carta d’identità la lettera F. Sono donne, ragazze, bambine.

Le risposte alle domande riportate sopra, inoltre, non aggiungeranno nulla a quanto si sa del fenomeno – sono ormai disponibili delle eccellenti ricerche, che potete controllare partendo da https://www.apc.org/ o https://www.genderit.org/ – ma disegneranno solo una divisione percentuale fra chi ritiene che “inasprire le sanzioni” sia giusto e chi no, che in fondo è lo scopo dichiarato dal sondaggio nel suo stesso titolo. Se ci pensate su, in effetti, è del tutto assurdo chiedere se l’utilizzare senza consenso immagini altrui a sfondo sessuale debba essere o no punito, la risposta è ovvia.

Chi propone questo tipo di prodotti scollegati da ricerca e approfondimento non lo fa per ampliare la democrazia digitale o perché sia interessato alle opinioni dei partecipanti: si tratta semplicemente di “aumentiamo il traffico sul sito e il numero di likes con uno degli argomenti del giorno (o hot topics)”. L’attitudine superficiale attira persone che la condividono, per cui di solito i sondaggi se ne escono con risultati basati su un campione di troll e di analfabeti di ritorno che a volte è spacciato per “gli italiani”, es.: Gli italiani vogliono che sia tutelata la loro libertà di espressione, lo dice il nostro sondaggio con una percentuale del 72%!

Ora, visto che i giornali non lo fanno, vi dirò io perché la libertà di espressione non si estende al permesso o alla legittimazione all’uso della violenza. Le donne fanno esperienza non solo della “vendetta” con immagini di nudo o di sesso, ma del ricatto collegato alle stesse (se non fai quel che dico io le divulgo), di cyberstalking, di doxing (diffondere in rete informazioni personali e private di un’altra persona), di insulti sessisti, di molestie sessuali, di minacce di stupro e di un mix di tutto questo nelle vere e proprie campagne messe in atto da farabutti per ridurle al silenzio: si chiama violenza di genere.

La violenza di genere è dovuta allo sbilanciamento di potere fra donne e uomini, al clima sociale che prevede l’impunità per gli uomini violenti, all’esclusione strutturale delle donne (e dei gruppi marginalizzati) dall’accesso a risorse, informazioni, credito, posizioni decisionali… in una parola sola, patriarcato.

La cosiddetta violenza online comprende atti di violenza di genere che sono commessi, favoriti o esacerbati dall’uso delle tecnologie informatiche (cellulari, internet, social media, e-mail).

C’è un legame diretto fra violenza nella vita quotidiana e violenza online, giacché sono entrambe frutti velenosi della stessa pianta marcia. Perciò non possiamo limitarci a cercare rimedi specifici per quest’ultima: il forum misogino è un attrezzo, proprio come un bastone.

Se qualcuno è preoccupato dall’impatto che le misure di sicurezza o di repressione nei confronti della violenza di genere tocchino il diritto alla comunicazione, dovrebbe essere vieppiù indignato da come questo diritto sia negato a noi donne proprio dalla violenza, online e offline.

Quando la privacy di una donna è violata dall’uso di terzi di suo materiale privato relativo alla sua vita sessuale, la si sta punendo o si sta cercando di controllarla usando lo svilimento e il disprezzo che la nostra società patriarcale pone sulla sessualità femminile: se si smettesse di trattare le donne come oggetti a disposizione per il maschio di turno, se si riconoscesse che le donne hanno il pieno diritto a una vita sessuale da loro stesse diretta e per esse soddisfacente, la “revenge porn” o come si vuol chiamarla perderebbe immediatamente potere.

Come ho già detto sopra, la maggior parte della violenza online è usata per far star zitte le donne in rete e per far sparire le donne dalla rete. Ciò significa che prevenire e sanzionare la violenza online contro le donne non si oppone alla libertà di espressione, ma è al contrario una sacrosanta difesa della stessa.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Nel mentre non vedo l’ora di partecipare a una “teglia di preghiera” con i simpatici Pastafariani e di condividere con loro “idee e carboidrati” – Verona 30 marzo p.v., mobilitazione contro il “Congresso mondiale delle famiglie” – sto cercando di far quadrare alcuni dati sui nostrani “difensori della famiglia tradizionale e dei bambini” e sui patrocinatori / sostenitori del Congresso citato.

Penso a:

– Pier Ferdinando Casini, due volte divorziato, con due figli da ogni ex moglie;

– Mario Adinolfi che si sposa (e ha una figlia) si separa e si risposa a Las Vegas con un’italo-brasiliana assai più giovane;

– Roberto Calderoli due volte sposato (una con rito “celtico”) e due volte separato, convivente;

– Roberto Formigoni che si staglia perché non ha ne’ matrimoni ne’ divorzi nel suo résumé (da vent’anni e passa aveva un “coinquilino”, ma dopo essere stato condannato a 5 anni e 10 mesi di reclusione per corruzione, dal 22 febbraio 2019 risiede in relativa solitudine nel carcere di Bollate);

– Matteo Salvini che si sposa e ha un figlio, divorzia, convive e ha un’altra figlia, poi ha una relazione sovraesposta con una conduttrice televisiva e infine in questi giorni mostra ai media la sua “nuova fidanzata” di 26 anni (lui ne ha giusto venti di più) Francesca Verdini, figlia dell’ex parlamentare di Forza Italia / Alleanza Liberalpopolare-Autonomie Denis Verdini, condannato a luglio dalla Corte d’Appello di Firenze per la bancarotta del Credito cooperativo fiorentino e la truffa sui contributi per l’editoria.

Così a naso, costoro non mi sembrano sufficientemente attrezzati o legittimati per dare consigli ad altri in materia di relazioni familiari o di famiglia tout court.

Poi c’è il preclaro ministro Lorenzo Fontana, per autodefinizione “veronese e cattolico”, il cui matrimonio è stato celebrato in due fasi: con rito “tridentino” (pre Concilio Vaticano II) dal suo consigliere spirituale Wilmar Pavesi e con rito civile dall’ex sindaco di Verona Flavio Tosi (Matteo Salvini testimone). Anche quest’uomo è un po’ difficile da capire; come ministro ha giurato fedeltà alla Costituzione Italiana ed è membro dell’esecutivo di uno stato laico, però invoca sui social media l’arcangelo Michele affinché difenda lui e i suoi nella battaglia contro il demonio – l’arcangelo guiderebbe gli angeli in tale lotta, a quanto ne so, e per quanto osservi con attenzione la compagine leghista di cui Fontana fa parte non riesco a ravvisare nei suoi membri un solo tratto angelico.

Il 13 marzo scorso, il ministro partecipa alla 63^ Sessione della Commissione NU sulla Condizione Femminile e legge un tronfio discorso sull’eccellenza del suo Paese al proposito – “impianto legislativo e strategico all’avanguardia” – in cui, tra l’altro, afferma che “Promuovere l’empowerment femminile in un’ottica di sviluppo sostenibile delle nostre società significa anche lottare contro tutte le forme di violenza e discriminazione nei confronti delle donne, delle ragazze e dei bambini, che rappresentano il principale ostacolo al godimento dei loro diritti.”

Sospetto che abbia dato mandato a qualche funzionario per la redazione dell’intervento, perché quando scrive da solo (o assieme a Ettore Gotti Tedeschi ex presidente dello Ior – Istituto per le Opere di Religione ne “La Culla vuota della civiltà. All’origine della crisi”) esprime visioni del tutto diverse: è per esempio preoccupato dal tentativo di “cancellazione della nostra comunità e delle nostre tradizioni” operato da indebolimento della famiglia, matrimoni gay, la teoria gender nelle scuole (QUALE teoria, ministro, e nelle scuole DOVE?), l’immigrazione che subiamo.

Inoltre, considera l’interruzione volontaria di gravidanza “uno strano caso di “diritto umano” che prevede l’uccisione di un innocente”… e i suoi “angeli” della Lega lo seguono eroici, rilanciando in questi giorni una proposta di legge già presentata nell’ottobre scorso che introdurrebbe lo “stato di adottabilità del concepito”: e cioè l’ovulo fecondato di una donna, dal diametro di 150 micron, annidato in un utero da cui non può essere separato per il proprio sviluppo, diventerebbe una “persona giuridica” tutelata dal tribunale per i minorenni.

E’ una “forma alternativa all’interruzione di gravidanza”, dicono questi angeli un po’ strani mentre sventolano falde clericali per allontanare la puzza di zolfo, che resta “liberamente utilizzabile dalla donna”, ma la legge 194 prevede già che la donna possa partorire in anonimato e dare il bambino in adozione, il bambino però, non un gamete misurabile in millesimi di millimetro. Un po’ più di decenza e di uso dei neuroni, please.

Il ministro Fontana che dichiara di lottare “contro tutte le forme di violenza e discriminazione nei confronti delle donne, delle ragazze e dei bambini, che rappresentano il principale ostacolo al godimento dei loro diritti” è lo stesso ministro Fontana che si professa contrario al diritto delle donne di interrompere una gravidanza? E’ lo stesso a cui piace Vladimir Putin e lo stesso che ha chiesto l’abolizione della Legge Mancino (1993 – sanziona gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista)? E’ lo stesso che ritiene “non esistenti” le unioni civili?

Probabilmente le risposte a queste domande sono dentro di lui. Però sono sbagliate (cit. Corrado Guzzanti, “Quelo”).

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: