Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘unbelievable’

I casi della vita. Ho appena finito di vedere la serie tv “Unbelievable” – 8 puntate basate su una storia vera, che si dipanano su due filoni narrativi: il trattamento che una vittima di violenza sessuale riceve dal sistema giudiziario statunitense (la sua testimonianza non è considerata credibile dalla polizia ed è persino costretta a pagare una multa per aver “mentito”) e la caccia allo stupratore seriale intrapresa da due investigatrici molto diverse l’una dall’altra ma entrambe profondamente umane, fallibili e irriducibili al tempo stesso, animate dalla passione etica che ispira il loro lavoro.

unbelievable

Poi leggo questo: “9 ottobre – Dottoressa denuncia stupro in guardia medica, imputato prosciolto: «Querela presentata in ritardo». Il gup del Tribunale di Bari Antonella Cafagna ha prosciolto il 52enne di Acquaviva delle Fonti Maurizio Zecca dal reato di violenza sessuale nei confronti di una dottoressa in servizio presso un ambulatorio di guardia medica della provincia di Bari «per difetto di tempestiva querela».”

La dottoressa ha subito più di un anno di stalking da parte dell’uomo, minacce di morte comprese, e a causa di ciò ha cambiato in breve tempo tre sedi lavorative: per questo il suo persecutore ha ricevuto una condanna a sei mesi, ma attualmente è ai domiciliari e il processo è in appello. Per lo stupro, è stato dichiarato il “non doversi procedere”.

Forse fra qualche anno qualcuno userà la storia per realizzare un bellissimo sceneggiato come “Unbelievable”, dove lo stupro non sarà edulcorato ne’ reso appetibile, dove risulterà evidente che donne di qualsiasi età e tipologia corporea ne sono vittime e dove il danno che la violenza sessuale infligge alle loro vite sarà mostrato in tutta la sua ampiezza. Qualcuno, come per la serie americana, lamenterà il fatto che la prospettiva usata per la narrazione sarà “troppo femminile”. Ma non c’è da preoccuparsi, la prospettiva maschile che giudica le donne prede e oggetti e proprietà e materiale ambulante da stupro sarà ancora quella principale, quella giustificata e giudicata non meritevole di condanna.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: