Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sole’

Questo sarà l’anno delle eclissi:

– 6 gennaio 2019, parziale eclissi di Sole in Capricorno a 15°31′ (non visibile dall’Italia)

– 21 gennaio 2019, eclissi totale di Luna in Leone a 0°49′

– 2 luglio 2019, eclissi totale di Sole in Cancro a 10°42′

– 16 luglio 2019, eclissi parziale di Luna in Capricorno 24°00′

– 26 dicembre 2019, eclissi anulare di Sole in Capricorno a 4°09′ (non visibile dall’Italia)

Un predicatore statunitense in cerca di notorietà si sta già scatenando sulle cose orrende che le eclissi profetizzerebbero, soprattutto quella del 21 gennaio con la sua “luna di sangue” (la luce solare diretta è bloccata dalla Terra e l’unica luce che raggiunge la superficie lunare è rifratta dall’atmosfera terrestre, il che produce il colore rosso). Naturalmente, nonostante getti a profusione citazioni bibliche per sostenere la sua panzana, non è preciso – non può esserlo e non gli conviene esserlo. Se il 22 gennaio c’è un attacco terroristico nel paese X, un’alluvione nel paese Y o un enorme incidente autostradale nel paese Z, ci urlerà comunque nelle orecchie “Ve lo avevo detto, io!”.

Squilibrati a parte, non ci saranno solo le eclissi a farci guardare in alto, in questo 2019. L’11 novembre Mercurio transiterà davanti al Sole e sarà visibile in Italia dal primo pomeriggio: non lo rifarà sino al 2032, per cui se avete accesso a un telescopio (con filtri per la protezione dei vostri occhi) usatelo. Saturno in Sagittario sarà invece visibile il 9 luglio, per circa sei ore, a partire dalle 22.18.

Sappiamo da registrazioni storiche che i Cinesi calcolavano le date delle eclissi già 3.500 anni fa (e i Babilonesi cominciarono a farlo appena più tardi); ovviamente le predizioni dell’antichità non erano precise nei dettagli degli eventi quanto possono esserlo quelle odierne e altrettanto ovviamente erano circondate dalle credenze relative a epoca e luogo (ve ne ho accennato in passato). Insomma, da un bel po’ noi umani guardiamo il cielo e speriamo di leggerci il futuro nostro e del pianeta. A volte, lo facciamo come se fossimo semplicemente sulla Terra e non – come in effetti siamo – della Terra. Quel che il nostro mondo sperimenta si riflette su di noi e ognuno ne fa esperienza a suo proprio modo, a seconda di carattere e circostanze.

Io non sono una mistica e so solo qualcosa di astronomia e astrologia, ma nel mio cercare “il nuovo mondo possibile” (ehi, Giove è in Sagittario per quasi tutto l’anno, per la gioia dei movimenti: energia, connessione, relazioni, salti oltre ogni frontiera, fiducia in progetti ambiziosi che non avremmo guardato di striscio nel 2018…) uso sempre tutto quello che ho. Persino le eclissi.

Un’eclissi è uno spostamento nell’allineamento consueto fra Terra, Sole e Luna e uno spostamento analogo risuona nelle nostre energie. Durante quella lunare, in cui simbolicamente il nostro spirito si occulta agli occhi altrui, possiamo riflettere su chi siamo veramente e sul modo in cui ci proiettiamo all’esterno. Durante quella solare, l’analogia con il piccolo satellite che blocca la grande stella invita a conoscere la propria forza e a fidarsi di essa. Le eclissi solari, dicono le streghe-astrologhe, mettono distanza fra noi e gli schemi fissi che già conosciamo, spingendoci verso territori sconosciuti.

Per cui possiamo usare il tutto per ricaricarci, sognare in grande, mirare in alto e immaginare e costruire futuro. Maria G. Di Rienzo

Annunci

Read Full Post »

Sulis bronzo - scoperta nel 1727

Sulis, bronzo originariamente coperto da lamine d’oro

Quest’anno il Solstizio d’Estate (oggi), il giorno più lungo dell’anno, coincide con la luna piena di giugno. L’ultima volta che ciò è accaduto era il 1948 e non accadrà di nuovo prima del 2054: suona speciale, che ne dite?

Il Solstizio d’Estate è essenzialmente una festa del sole e noi siamo abituate/i ad associare il sole a divinità maschili come da tradizione indoeuropea, ma storicamente l’umanità ha spesso dato all’astro nomi e poteri femminili: Amaterasu, la dea-sole giapponese (è il suo emblema, il sole nascente, quello che sta sulla bandiera del Giappone); Beiwe, la dea lappone ringraziata al Solstizio d’Estate per aver donato la luce necessaria a far crescere le piante; Hathor, la dea egiziana del cielo dipinta sempre assieme al disco solare; Olwen, dea-sole gallese il cui nome significa “ruota dorata”; Saule, dea lituana che percorre il cielo su un carro tirato da due cavalli dalle criniere d’oro, combattendo l’oscurità; Uelanuhi, dea-sole Cherokee che è la fonte di tutto il creato, avendo partorito l’universo e i corpi celesti: è sua responsabilità dividere il tempo in unità misurabili e, aiutata dalla Nonna Ragno e dalla sua tela, conservare il calore che serve all’umanità…

E poi c’è Sulis, detta “La Luminosa”. La sua iconografia è quella di una dea-sole: il suo nome – che ha un’etimologia complessa e svariati significati che si sovrappongono – potrebbe essere derivato dalla parola proto-celtica súil (occhio/sole), le sue sacerdotesse alimentavano un fuoco perpetuo e in suo onore si teneva la festa del Solstizio d’Estate, che successivamente diverrà una festa del fuoco il 1° maggio. Ma Sulis è anche la “Provveditrice di acque guaritrici”, associata strettamente alle fonti termali di Bath in uso sin dal neolitico (da almeno 10.000 anni) e i Celti, che arrivarono in Inghilterra nel 700 prima di Cristo, probabilmente la trovarono già insediata nel luogo sacro dalle acque fumanti, in cui i mortali potevano comunicare con l’aldilà e cercare l’aiuto della dea.

Il sole onorato nel momento in cui raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima e l’acqua della luna piena che lavorano insieme per guarire corpi e spiriti, creando una raffigurazione che incarna benedizione e profezia; la potenza della luce solare filtrata dalla potenza guaritrice delle acque: ecco perché penso a Sulis come all’immagine perfetta per questo Solstizio 2016.

bath

Aquae Sulis

Durante l’epoca romana le fonti di Bath furono chiamate “Aquae Sulis” e pur riconoscendo la dea in questo modo i romani – com’era loro consuetudine con le divinità altrui – la fusero con Minerva: Sulis divenne a questo punto la dea della città, dell’artigianato e dell’agricoltura. Tramite la sua associazione con Minerva acquisì il potere di garantire i giuramenti, acchiappare i ladri e trovare gli oggetti perduti. Nelle fonti (assieme a oltre 12.000 monete che coprono tutto il periodo romano) sono state ritrovate numerose “tavolette di maledizione”, in cui si chiede alla dea di punire i malfattori.

Io oggi le chiedo di benedire il viaggio di ciascuna/o di voi e il mio proprio verso la luce, la salute e l’interezza. Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Lunedì 22 dicembre prossimo: Solstizio d’Inverno (dalle mie parti alle ore 0.03 CET – fuso orario dell’Europa Centrale) e Luna Nuova (la posizione del satellite sarà a “ore 12” fra il Sole e la Terra, il giorno dopo la Luna prenderà a “crescere”).

luna al solstizio

Un Sole nuovo e una nuova Luna sono un’ottima combinazione simbolica per cominciare o ricominciare qualsiasi cosa, per nuovi progetti o avventure, per lasciarsi alle spalle scorie e fardelli.

Inoltre, il Solstizio d’Inverno è il momento perfetto per aver a che fare con il calderone della conoscenza e la produzione di magiche sostanze… ossia con le pentole: perché cucinare, trasformando degli ingredienti in una cosa nuova, è molto simile ad un processo alchemico.

mescolare nel calderone

Quindi, il mio regalo per voi quest’anno è la Zuppa del Sole che Ritorna. Ha il colore del sole e riscalda. E’ leggera, potete usarla come antipasto o come merenda accompagnata da crostini o da una fetta di pane. Le dosi della ricetta sono per due persone (due ciotole), se ne volete di più ovviamente moltiplicate le dosi.

30 grammi di burro

Una cipolla piccola sminuzzata

3 o 4 pomodori maturi tagliati a dadini

2 bicchieri di brodo vegetale

2 bicchieri di succo d’arancia (senza polpa)

Qualche foglia di rosmarino

Un pizzico di sale

Paprika (a piacer vostro)

zuppa solare

Rosolate la cipolla nel burro a fuoco basso. Unite i pomodori a dadini e il sale. Continuate a cucinare per 3/4 minuti. Aggiungete il brodo e lasciate che la miscela si addensi. Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare qualche minuto, aggiungete il succo d’arancia e mescolate amalgamando bene. Rimettete la pentola sul fornello, aggiungete il rosmarino e lasciate cuocere, sempre a fuoco basso, per altri 5/10 minuti (dipende da quanto “fissa” volete la zuppa). Spruzzate di paprika, mescolate e servite subito in tavola. Voilà, felice Solstizio d’Inverno a voi! Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: