Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘levatrice’

juana

Il post originale sotto questo disegno, che raffigura una levatrice con una donna incinta, a firma della Rete delle Donne Ixil – Guatemala, comincia così:

“Noi socie della Rete delle Donne Ixil (OSOREMI di Nebaj) manifestiamo la nostra indignazione e il nostro rigetto per l’assassinio della nostra compañera Juana Ramírez Santiago, e allo stesso tempo esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla sua famiglia e alla sua comunità. Ha dedicato la sua vita alle donne Ixil, essendo levatrice e difensora dei diritti umani.”

Juana era stata una delle fondatrici della Rete; aveva 56 anni e sette fra figli e figlie. Viveva a Q’ambalam, nel comune di Nebaj. Da tempo riceveva minacce di morte per il suo impegno sui diritti delle donne e aveva già presentato denuncia in tribunale.

Il suo omicidio segue alle calcagna quello di un’altra attivista Ixil, Juana Raymundo, infermiera venticinquenne e membro del Comitato per lo Sviluppo Contadino (Codeca), avvenuto il 28 luglio scorso sempre a Nebaj. D’altronde, solo dal 1° all’8 gennaio di quest’anno, l’Unità guatemalteca di protezione dei difensori dei diritti umani ha registrato 135 aggressioni, 13 omicidi e due tentati omicidi a danno di attiviste/i.

Il 21 settembre scorso, attorno alle 6 di sera, Juana Ramírez Santiago stava andando come di consueto a portare la cena al marito Pedro Chel Bernal sul posto di lavoro di costui, un magazzino di ferramenta. Lo chiamò lungo la via per avvisarlo – ma non è mai arrivata a destinazione.

Secondo le testimonianze, un gruppetto di persone le ha sbarrato la strada e l’ha circondata. Si sono sentiti quattro colpi di pistola, poi gli assassini si sono dileguati. Quando i soccorsi sono giunti sul luogo, Juana era già morta.

“Era una donna che si dedicava a portare vita nel mondo.”, ha detto alla stampa, fra le altre cose, la direttrice della Rete delle Donne Ixil, Juana Baca. E’ quel che le levatrici fanno, che le femministe fanno, che le difensore dei diritti umani fanno.

juana ramirez

Ecco, questo qui sopra è il volto di Juana Ramírez Santiago – this is what a feminist looks like. Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: