Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘francia’

dovere nazionale

L’uomo in immagine è Nabih al-Wahsh, un famoso avvocato egiziano politicamente “conservatore”, ripreso durante un recente dibattito televisivo sul canale Al-Assema. La questione in discussione era una nuova bozza di legge sulla prostituzione.

Alle donne sedute al suo stesso tavolo ha detto questo: “Siete contente quando vedete una ragazza camminare per la strada mostrando metà del suo didietro? Io dico che quando una ragazza se ne va in giro in quel modo è un dovere patriottico molestarla sessualmente e un dovere nazionale stuprarla.”

Nell’ottobre del 2016, in un’occasione simile, si era preso “a scarpate” con il religioso Sheikh Rashad, sfasciando un pannello di vetro durante la zuffa e costringendo lo staff dello studio televisivo a intervenire per separare i due uomini. La “colpa” di Rashad era l’aver detto che non riteneva un dovere religioso per le donne il coprirsi la testa con un fazzoletto. L’avvocato gli urlò “Tu sei un apostata! Tu sei un infedele!”, al che il suo interlocutore rispose (credo azzeccando almeno in parte la diagnosi) “Tu sei mentalmente malato. Dovresti stare in un ospedale psichiatrico.”

Sugli stupratori patriottici, com’è ovvio, l’avvocato al-Wahsh si è guadagnato reazioni epocali di disgusto e prese di distanza, ma il suo exploit è avvenuto subito dopo che la capitale egiziana è risultata la “grande città più pericolosa per le donne” al termine di una ricerca internazionale su come vivono le donne nelle metropoli da oltre dieci milioni di persone. Significa, come notano le attiviste femministe, che non è isolato nella sua criminale idiozia: le tradizioni discriminatorie verso le donne, in Egitto, hanno secoli di abusi alle spalle e li ripetono nel presente non solo in termini di violenza, ma anche in termini di scarso accesso ai servizi sanitari, all’istruzione e ai mezzi finanziari.

L’addestramento sociale al considerare inferiore metà dell’umanità, diffuso in ogni parte del globo, non genera unicamente legioni di molestatori e stupratori: crea anche gli occhiali deformanti attraverso cui sono viste e giudicate le loro azioni. Il che ci porta direttamente a una seconda notizia.

Avrete di certo sentito o letto qualcosa sulle accuse di abusi sessuali dirette al preclaro docente di Oxford Tariq Ramadan. In questi giorni il sig. Bernard Godard, l’esperto di Islam per il Ministro degli Interni francese dal 1997 al 2014, che conosce Ramadan molto bene, ha dichiarato alla stampa di essere “scioccato” dalla vicenda. E queste sono le precise parole con cui lo spiega alla rivista francese Obs: “Sì, sapevo che aveva parecchie amanti, che consultava siti, che delle ragazze erano portate in albergo alla fine delle sue conferenze, che le invitata a spogliarsi, che alcune resistevano e che lui poteva diventare violento e aggressivo, ma non ho mai sentito parlare di stupri, sono sbalordito.”

Qualcuno spieghi a questo signore che ha appena descritto uno scenario di violenze sessuali, per favore. Se poi resta sbalordito, trovategli un posto all’ospedale psichiatrico nella stessa stanza di Nabih al-Wahsh, almeno si faranno compagnia. Maria G. Di Rienzo

Annunci

Read Full Post »

In seguito alla vicenda Weinstein, di cui credo siate tutte/i consapevoli, la scorsa settimana milioni di donne hanno condiviso le loro storie relative ad aggressioni sessuali usando l’hashtag #MeToo (“Anch’io”) lanciato dall’attrice Alyssa Milano; l’hanno fatto in italiano con #quellavoltache su iniziativa della scrittrice Giulia Blasi e in francese con #balancetonporc (“Strilla al tuo porco”) grazie alla giornalista radiofonica Sandra Muller (in immagine qui sotto).

sandra muller

La Francia conta annualmente 84.000 stupri, 220.000 aggressioni sessuali e la morte di una donna per mano di un partner violento ogni tre giorni. Il paese ha anche un problema con la definizione di assalto sessuale nei confronti di minori, tale che di recente un 28enne è stato assolto dallo stupro di una bambina di 11 anni: gli è bastato dire in tribunale che lei era consenziente.

Ma la Francia ha anche una Ministra per l’eguaglianza di genere, Marlène Schiappa, che intende raddrizzare un po’ le cose: la bozza di legge su cui sta lavorando – con i giudici francesi e aprendo una consultazione pubblica – comprende il riesame del concetto di “consenso” riferito a minori. Inoltre, intende multare i molestatori. Misure simili sono già all’opera in Argentina e Portogallo. In Olanda, molestare una donna a Rotterdam è un atto punito con tre mesi di galera; dal 1° gennaio 2018, ad Amsterdam, sarà punibile con una multa di circa 190 euro.

“Il punto, – ha spiegato la Ministra francese alla stampa – è che l’intera società deve ridefinire ciò che è accettabile e ciò che non lo è. Tu non devi seguire le ragazze per due o tre strade di seguito chiedendo loro 20 volte il loro numero di telefono. Ma i molestatori ti rispondono: Oh, ma è mio diritto. Stavo solo chiacchierando con quella ragazza. Le stavo facendo un complimento. Molti di quelli che tormentano le donne non sembrano capire che le loro avance non solo sono indesiderate, ma possono apparire minacciose.”

Marlène Schiappa (in immagine qui sotto) sta pensando a una multa più pesante di quella olandese. Qualcosa attorno ai 5.000 euro, per esempio, se l’offensore è preso “con le mani nel sacco”. Parfait. Maria G. Di Rienzo

marlene-schiappa

Read Full Post »

Nel maggio del 2013 Julian Stevenson, un uomo inglese 48enne che viveva in Francia, sposato e poi divorziato, uccide i suoi due figli durante il primo incontro non “controllato” con loro: usando un coltello da cucina taglia la gola di Matthew, 10 anni, e di Carla, 5 anni. In precedenza li aveva visti in presenza della ex moglie Stéphanie o di un’assistente sociale. Si suiciderà in carcere, ancora in attesa di processo, a fine dicembre dello stesso anno.

Sin dall’annuncio del duplice omicidio, molti media fecero del loro meglio per giustificare e scusare l’assassino. Una delle argomentazioni preferite fu che “il tempo che passava con i bambini era insufficiente per i suoi bisogni”. La preoccupazione principale – spesso espressa in leggi nazionali e protocolli internazionali – per chiunque sia sano di mente dovrebbe riguardare il benessere dei bambini, che sono ovviamente più vulnerabili degli adulti loro genitori: ma articolisti, opinionisti, commentatori ecc. sono in genere assai più angustiati dal fatto che i padri non abbiamo sempre e comunque tutto quel che vogliono. Diventa irrilevante, in tali discorsi, che questi padri esprimano la propria frustrazione con la violenza, perché sotteso a tutte le argomentazioni c’è il convincimento che la violenza sia un ingrediente fondamentale della mascolinità e che gli uomini non possano fare a meno di abusare di donne e bambini.

Così, il 2 aprile u.s., sotto i titoli della stampa nostrana “Tenta di uccidere il figlio e si suicida con il gas”( è accaduto nella zona di Volterra: il bambino, di 9 anni, si è salvato fuggendo dall’auto) e i relativi occhielli “Non accettava che il bambino fosse stato affidato esclusivamente alla madre”, si articola la solita narrazione che piange sui “gridi d’allarme” – leggi le lamentele proprie e le “denunce” farlocche dell’associazione padri separati – espressi dall’uomo via FB, sulla “decisione più terribile: prendersi il suo bimbo e andare via con lui, per sempre” (com’è poetico!), sulle leggi carogne e matriarcali che “non tengono conto delle nuove sensibilità dei padri”. Ma se queste “nuove sensibilità” si concretizzano nello scannare o nel gasare i figli a me sembra che di nuovo non abbiano nulla e che parlare di sensibilità sia fuorviante e persino ridicolo: quel di cui stiamo trattando è possesso e controllo di esseri umani. Sono pratiche legate al dominio e alla relativa legittimazione sociale e infatti molti uomini vivono come affronto, ingiustizia e svirilizzazione qualsiasi restrizione messa al loro spadroneggiamento sui corpi di donne e bambini.

All’uomo che è morto suicida è certamente dovuta pietà umana, ma a questo stesso individuo capace di aprire una bombola di gas nell’automobile in cui sta dormendo un bambino, suo figlio (che lui chiamava il “suo cucciolo”), io non affiderei non solo un cucciolo di cane, ma neppure un cactus. Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Il 28 marzo scorso il consiglio comunale di Parigi ha votato questo: a partire dal 20 novembre 2017 gli annunci pubblicitari “sessisti e discriminatori” non avranno più spazio in città. Immagini “degradanti” o “disumanizzanti” che “hanno impatto negativo sulla dignità umana, così come quelle che propagandano omofobia, disprezzo per le persone anziane, discriminazione etnica o religiosa” sono bandite.

Alla stampa, la Sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha spiegato che città come Londra e Ginevra hanno già adottato misure simili e che era ora di fare un passo verso l’arresto della “diffusione, promozione e valorizzazione di immagini che degradano certe categorie di cittadini/e.” Inoltre, ha detto, “Le conseguenze di queste rappresentazioni degradanti hanno un impatto notevole sulle donne, in special modo su quelle più giovani: mantengono gli standard del sessismo e contribuiscono a trivializzare determinate forme di violenza quotidiana.”

sexiste

Alcuni articoli sull’argomento sostengono che la recente campagna “porno-chic” di Saint Laurent (a cui appartengono le due immagini sopra questo paragrafo) sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Raphaëlle Rémy-Leleu, la portavoce del gruppo femminista francese “Oséz le Feminisme!” che ne aveva immediatamente chiesto la rimozione dagli spazi pubblici, ha dichiarato che la campagna: “Tocca tutti i lati del sessismo. Le donne sono oggettificate, iper-sessualizzate e messe in posizioni che esprimono sottomissione.”

E questa qui sotto è la Sindaca. Se avessi un programma di grafica adatto avrei contornato l’immagine di baci e cuoricini. Maria G. Di Rienzo

Anne Hidalgo

Read Full Post »

E’ bene sapere di chi è veramente la colpa: Mohamed Lahouaiej Bouhlel, nato nel 1985, francese di origine tunisina che ha ucciso 84 persone e ne ha ferite altre 200 a Nizza falciandole alla guida di un camion era “depresso e instabile da quando era iniziata la procedura per il divorzio dalla moglie”.

I quotidiani italiani sparano questa frase – o una frase simile – direttamente nel titolo o nell’occhiello dei loro pezzi in materia; non c’è bisogno di essere enigmisti o crittografi per capire che la considerano un’informazione assai rilevante. Ma fra le notizie raccolte sino ad ora sull’autore delle strage, che era possibile sottolineare, c’è per esempio anche questa: fra i suoi “piccoli” precedenti penali c’è la violenza contro la ex compagna, per la quale era stato allontanato nel 2012 dall’abitazione che con lei condivideva.

Comunque, nei prossimi giorni devo aspettarmi cose di questo tipo? “Il disastro ferroviario del 12 luglio: una “dama bianca” avrebbe respinto gli approcci di due dirigenti di Ferrotramviaria, causando loro forte stress.”, oppure “Il generale che sta manovrando il colpo di stato in Turchia è stato lasciato dalla moglie e friend-zonato dall’amante: Sono un uomo, dovevo pur sfogare la mia rabbia in qualche modo, ha detto alla stampa.”, o più precisamente ancora: “Cherchez la femme e fategliela pagare, ce n’è di sicuro almeno una dietro qualsiasi atrocità o canagliata un uomo commetta.”

Il brano seguente è tratto da un’intervista a Gloria Steinem (attivista femminista di lunghissimo corso, ha 82 anni) rilasciata a Samiha Shafy dello Spiegel il 6 luglio scorso:

Steinem dice che tutto quello che hai bisogno di sapere su una società qualsiasi è come tratta le donne che ne fanno parte. Non è un caso, dice, che così tanti terroristi moderni crescano in ambienti dove gli uomini hanno controllo sulle donne: “L’indicatore più affidabile per capire se c’è violenza all’interno di un paese, o se esso userà violenza militare contro un altro paese, non è la povertà ne’ l’accesso alle risorse ne’ la religione e persino non il livello di democrazia. E’ la violenza contro le donne. Normalizza tutte le altre forme di violenza.” Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Naturalmente cerco di prendere tutto quel che leggo sui quotidiani cum grano salis, ma sembra che almeno uno dei giovani signori che avrebbero “reagito” alla “giocattolizzazione” della loro fede (ci sei, Bergoglio?) facendo stragi in quel di Parigi, il Corano non lo abbia mai aperto: ha letto l’interpretazione sul web. Salah Abdeslam sarebbe insomma un “laureato all’Università YouTube”, come si dice da noi, un ignorante infarcito di nozioni pescate a caso su internet e scollegate sia fra loro sia da qualsiasi approfondimento o riflessione.

Secondo il suo avvocato belga, che lo gratifica di ogni sorta di epiteti poco lusinghieri parlando della sua intelligenza, appartiene a una generazione che crede di vivere in un videogioco. Non so quanti anni abbia l’inviato de La Stampa che oggi, 28 aprile 2016, riporta la notizia dell’estradizione in Francia di Salah Abdeslam, ma a giudicare dal suo articolo potrebbe appartenere alla medesima generazione di young and ignorant people: citando l’avvocato suddetto infatti scrive “… c’è stato uno scambio di colpi, ma io so’ difendermi.”

Signore, mi ascolta? Coniugazione del verbo sapere, presente indicativo – io so, tu sai, egli sa, noi sappiamo, voi sapete, essi sanno. So’ è, al massimo, l’elisione di “sono”, presente soprattutto in alcuni dialetti: “Ciao, so’ Gino, che fai, esci?” “Nun posso, sto a scrive n’articolo… è difficile, perché lo devo scrive in lingua straniera… in italiano, li mortacci.”

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

(“France/Algeria: Hijab Day – Background & History – 1997 Algerian Amel Zeoune Assassinated for Refusing to Wear a Veil”, di Zazi Sadou per Siawi, 24 aprile 2016, trad. Maria G. Di Rienzo. Zazi Sadou, in immagine, è stata per molti anni la portavoce dell’Assemblea algerina delle donne democratiche – Rassemblement Algérien des Femmes Démocrates. Il 20 aprile 2016, alcuni studenti dell’Istituto parigino di Scienze Politiche hanno organizzato un “Giorno dell’hijab”: delle sue implicazioni tratta il presente articolo.)

Zazi Sadou

Amel Zenoune, giovane studente universitaria, stava lasciando Algeri in un autobus dell’ateneo per tornare a casa a Sidi Moussa, circa un’ora prima dell’interruzione del digiuno. Domenica 26 gennaio 1997, il 17° giorno del Ramadan, l’autobus fu fermato a uno di quelli che la gente algerina chiamava “falsi posti di controllo” per differenziarli da quelli che erano sotto il controllo dell’esercito.

L’agguato era stato predisposto dai terroristi del GIA (Gruppo islamista armato) in una frazione, chiamata Benedja, del Comune di Benthala – Benthala che resta nei nostri ricordi come il luogo in cui avvenne uno dei più terribili massacri degli anni ’90.

I passeggeri dell’autobus tremavano di paura e pensavano di star guardando la morte negli occhi. Ma i terroristi non mostrarono interesse per loro: cercavano una sola persona, Amel Zenoune. Le ordinarono di scendere dall’autobus e la giovane donna così fece, con molto coraggio.

Uno degli uomini armati affilò il coltello su una pietra e, senza palesare alcuna emozione, le tagliò la gola sotto gli occhi dei passeggeri orripilati. L’uomo disse poi che quello sarebbe servito da deterrente per tutte le donne che andavano all’università e al lavoro senza essere velate. Era un messaggio terrificante mandato a coloro che rifiutavano di piegarsi al loro “ordine morale”.

Amel aveva solo 22 anni. Doveva servire da esempio per terrorizzare le donne e le ragazze che in Algeria resistevano ai diktat del FIS (Fronte di salvezza islamico) e delle sue varie branche armate.

In altri paesi del mondo, in cui l’Islam prevale, milioni di donne – come fece Amel Zenoune – continuano in ogni possibile modo a resistere al fondamentalismo musulmano e alla sua illimitata ambizione di forzare le donne e le società all’interno del loro retrogrado progetto teocratico.

Oggi a Parigi, la capitale della Francia laica e l’erede dell’era dell’Illuminismo e della Repubblica, che promuove i diritti umani e l’eguaglianza di diritti fra uomini e donne, una nuova iniziativa viene lanciata: è il cosiddetto “Giorno dell’hijab”. Quest’iniziativa internazionale è stata iniziata nel 2013 da un network che ha realizzato completamente il suo marketing politico in Europa. La prova è sotto i vostri occhi: l’azione si tiene in una scuola universitaria prestigiosa ove si insegna la ragione affinché essa illumini la mente!

Quali che siano le motivazioni delle giovani studenti che si sono mobilitare per sostenere le loro “compagne velate”, esse non dovrebbero dimenticare le centinaia di migliaia – no, i milioni – di donne musulmane che con le teste scoperte rischiano le loro vite apparendo negli spazi pubblici dei loro stessi paesi. Costoro resistono con ogni mezzo per affermare il desiderio di essere libere e di non sottomettersi a un ordine morale che nasconde le donne in quanto oggetti sessuali. Quante di loro hanno pagato il più alto dei prezzi, essendo stuprate e uccise come “bottino di guerra”?

Queste giovani studenti francesi, di sicuro laiche e emancipate, non dovrebbero scordare che la battaglia sul “velo” è usata, soprattutto, per occultare l’ambizione di forze violente politico-religiose determinate alla conquista e al trasformare i “cittadini” in comunità di soli credenti, all’interno di un sistema totalitario dove le donne sono obbligate a nascondersi, a svanire, a obbedire, a scomparire…

Per quel che riguarda le giovani velate corteggiate da predicatori e “venditori di paradiso” tramite un ingannevole discorso di tolleranza e benevolenza, dovrebbero sforzarsi di mettere in discussione questa pratica che è imposta fuori dal suo contesto e che si situa a mille miglia di distanza dall’Islam illuminato che essi pretendono di rappresentare. Dovrebbero leggere Ibn Sina, Ibn Rochd, Mohamed Arkoun, Fatima Mernissi, così da poter promuovere uno spirito dell’Islam che sia altro rispetto a quello che marcia in uniforme.

La mia posizione di certo non sarà largamente accettata: io sto solo urlando qui il mio sdegno quale attivista femminista algerina che ha vissuto, assieme a centinaia di migliaia di altri cittadini, sotto il sorgente ordine fondamentalista. Senza la resistenza delle donne e di tutti i cittadini che credevano nella democrazia nel suo più pieno senso umanista, l’Algeria sarebbe stata trasformata radicalmente.

Sicuro, la Francia non è ne’ l’Algeria, ne’ la Tunisia, ne’ l’Iraq, ne’ l’Egitto. Tuttavia, non dimentichiamo che quella è la convinzione principale di tutti i movimenti fondamentalisti di estrema destra e che – in qualsiasi modo si camuffino – le loro prime vittime sono le donne. Questa è la lezione che apprendiamo ogni giorno dalla Storia.

Indossare un velo è una questione di libertà garantita dalla democrazia? Io non la penso così. La “battaglia sul velo” è solo l’espressione più visibile della volontà dei fondamentalisti di portare la donne alla sottomissione. Brandire i principi di democrazia e libertà sono solo i mezzi per avere successo in questo.

Quindi, non dimentichiamo il sacrifico della studente Amel, dell’agronoma Rachida, della veterinaria Khadidja, dell’insegnante Lila, della casalinga Rabéa, della lunga lunga lista delle donne resistenti…

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: