Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘editoria’

“Come ci si affranca da un destino che sembra inesorabilmente segnato? Fa il provino al primo Grande Fratello nella speranza di avere l’occasione per un cambiamento.

Lascia poi la tv e inizia un percorso da giornalista. Qualche anno più tardi, approdato alla politica, scala il Movimento 5 Stelle con la grinta che ha imparato a coltivare.

Ama uomini e donne, seduce e si lascia amare, avido di sentimenti veri.

Rocco è ambizioso ma è anche bravo, impara la comunicazione politica da Gianroberto Casaleggio, per poi cambiare quella del Movimento 5 Stelle, stando fianco a fianco con Di Maio e Di Battista, e cresce su, su fino ad arrivare alla carica attuale”

Rocco Casalino, “Il Portavoce – La mia storia”

La comunicazione non avviene in lingua italiana (casomai zia Rocco, che ha amato anche donne ma probabilmente in modo platonico, stava “fianco a fianco di” e “crescere su” è abominevole), però gli stampano un libro, che in Italia è ormai solo ed esclusivamente uno dei tanti gadget dei “famosi”. E io che di mestiere scrivo, posso solo pubblicare online e vomitare.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

Qualche anno fa, qui abbiamo visto online un film giapponese di cui, purtroppo, non riesco a ricordare il titolo. (1) Trattava di un gruppo di adolescenti e della loro stagione di follie, messe in atto a scuola e fuori, nel 1969. Sebbene il registro sia dichiaratamente leggero – si ride parecchio – il film innesca spunti di riflessione sul rapporto che nel contesto i ragazzi avevano con le autorità e con la società in generale. Ovviamente, vista l’età dei protagonisti, la storia ha anche a che fare con la scoperta del sesso e il desiderio.

C’è una scena che è entrata nel nostro lessico familiare, nel senso che la usiamo come paragone per persone / casi somiglianti: vede uno dei ragazzi tenere banco fra gli amici con il clamoroso racconto di un rapporto sessuale con una donna adulta.

Costei – una perfetta sconosciuta per il narratore – arriva su un’auto sportiva, adocchia il fanciullo, se lo porta in albergo, gli pratica una fellatio ed è così straordinariamente soddisfatta da ciò da lanciargli sul letto le chiavi dell’automobile, come premio. A questo punto gli altri ragazzi saltano addosso al narratore per malmenarlo un po’: la bugia è andata troppo oltre.

Ora, date uno sguardo a questo sublime parto letterario (è dell’anno scorso, ma ancora a maggio 2020 c’è chi lo recensisce così, con pensoso profluvio di puntini di sospensione: Bel libro… il primo è più profondo …. questo un po’ meno …. però da leggere):

tutto vero

Già dal titolo del capitolo la mia impressione è che il libro non sia solo uno spreco di carta e inchiostro, ma proprio un danno per il modo in cui esprime allegramente sessismo e oggettivazione. Tuttavia, come ho detto altre volte, se l’autore è già famoso di suo (e non importa perchéqui si tratta di un individuo che fra truffe, estorsioni, tentate corruzioni di funzionari di polizia ecc. ha una fedina penale sicuramente clamorosa) vogliamo negargli la pubblicazione di libri? Che sappia scrivere o no e di che cosa scriva è assolutamente irrilevante.

Il preclaro autore è infatti Fabrizio Corona, la casa editrice è Mondadori – in mano al gruppo Fininvest, presidente Marina Berlusconi – e il titolo dell’opera è “Non mi avete fatto niente”, che è quel che dicono i bambini petulanti quando ricevono un castigo.

C’è qualcuno che, in buona fede, crede al resoconto in immagine? Dopo la quinta elementare è davvero difficile cascarci. All’asilo Mondadori, infatti, responsabili e lettori non fanno una piega e la casa editrice presenta il libro sul proprio sito web con questo estratto:

“E ricordatevelo: non mi avete fatto niente, mi avete solo reso più ricco umanamente e culturalemente. Decidete voi se la mia vita è quella di un ragazzo fortunato o di un uomo che la fortuna l’ha dovuta rincorrere per non cadere. Non è stato facile ma… non mi avete fatto niente”

Così, “culturalemente” e senza punto che chiuda l’ultima frase.

Quindi, quando la suddetta casa editrice propone “iniziative per la scuola italiana” (Mondadori Education) e si dichiara “al fianco di insegnanti e studenti”, io mi domando legittimamente di che diamine siano fatti i “materiali e supporti (sic)” propinati agli/alle studenti e quanto vantaggio trarranno i/le docenti dall’ “aggiornamento” offerto loro:

“Mondadori Education promuove l’apprendimento permanente dei docenti, nella consapevolezza che il ruolo del docente sia un processo di consolidamento e di aggiornamento continuo delle singole competenze disciplinari ma soprattutto dei modelli di insegnamento.”

Mi dispiace, ma qui il verbo essere doveva essere declinato al presente indicativo, terza persona singolare: è.

Lo so. Imparare “è un processo continuo”: tieni duro, Mondadori, perché sembra che fino a questo momento tu non abbia imparato niente.

Maria G. Di Rienzo

(1) Mi è appena venuto in soccorso l’altro spettatore: il film si chiama proprio “69” ed è uscito nel 2004.

Read Full Post »

paper dreams

La questione “accesso all’editoria” – difficoltà, respingimenti, negazioni – è una costante dei miei dialoghi virtuali con altre persone (amiche e amici, conoscenti, sconosciute/i).

https://lunanuvola.wordpress.com/2019/08/06/che-mi-dici-dei-libri/

Di recente ha preso la sfumatura “editoria femminile / femminista” e ovviamente si tratta di una coloritura che mi piace.

La mia visione iniziale, che non la prevedeva a priori e riguardava i generi più penalizzati, sf e fantasy, era questa:

– creazione di una cooperativa composta unicamente da autori e autrici (per la struttura mi rifacevo a predecessori come la Cooperativa del libro popolare, poi Universale Economica);

– l'”unicamente” riguarda il desiderio di non aver a che fare con critici da strapazzo, tuttologi amici degli amici e perditempo vari: l’editing, se necessario, diventerebbe responsabilità condivisa fra i soci della Cooperativa;

– ritenevo invece indispensabile far salire sulla barca artisti, illustratori e grafici che condividono le nostre passioni;

– immaginavo un luogo in cui tutti fossero editori, direttori editoriali, consulenti editoriali (lettori specializzati), correttori di bozze e mettessero a disposizione le proprie conoscenze e il proprio tempo, liberamente, gli uni per gli altri;

– ipotizzavo una raccolta fondi su più livelli e l’individuazione di una sede legale e di una stamperia: quest’ultima è un punto importante per me, perché l’idea di una casa editrice solo digitale non mi convince e non voglio rinunciare alla “macchina per lettura” più efficiente che esista, il libro di carta. Non ha bisogno di pile o batterie o reset, non lo devi caricare, si attiva non appena apri la copertina e te lo porti dietro dappertutto in borse non specializzate. (I maniaci come me lo annusano persino e vi assicuro che l’odore di un tablet non è paragonabile…);

– poi veniva la parte tecnica per la costituzione di una casa editrice: l’iscrizione al registro delle imprese presso la Camera di Commercio e l’acquisizione di codice fiscale e partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate.

Quanto di tutto ciò può entrare nella fondazione di una casa editrice femminile / femminista come ognuna di voi la immagina? Quanto il mio sogno di carta collima con i vostri? Sono le domande che pongo alle amiche / conoscenti / sconosciute di cui sopra.

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

books

Care e cari,

spesso mi chiedete suggerimenti su come pubblicare, come contattare case editrici, eccetera. L’ultimo appello in questo senso è di ieri e qui rispondo a esso e a tutti gli altri: purtroppo non ho soluzioni, altrimenti le condividerei assai volentieri.

Le grandi casi editrici italiane hanno via via smesso di servirsi di lettori professionisti per giudicare se pubblicare un libro o meno, nella piccole/artigianali – che spesso esistono unicamente per rendere su carta le passioni dei loro proprietari – non li hanno mai avuti.

Il libro, in Italia, è ormai un prodotto secondario di un “successo” in altri campi.

Perciò nel nostro paese esistono solo queste opzioni:

– conoscere qualcuno in una casa editrice che dica “Sai, è la figlia / il nipote di Tizio e no, il testo non l’ho letto, ma insomma potremmo…” eccetera;

– avere una presentazione o una raccomandazione da persona nota: la fantasy e la fantascienza (e persino la poesia) di serie C pubblicate in Italia rispondono per un buon 90% a questo criterio: quando apro un libro di fantasy e le prime parole che leggo sono di Bruno Vespa che raccomanda chi l’ha scritto – perché ovviamente è un esperto anche di letteratura fantastica, no? – so già che il testo non ha speranza. Per essere il più obiettiva possibile sfoglio di solito anche l’incipit ma sino ad ora ho solo avuto conferma di valore zero incartato in curatissime copertine;

– essere una persona nota: sono numerosi i casi patetici di persone che nemmeno scrivono in italiano ma pubblicano e addirittura curano settori editoriali (Di Battista);

– pubblicare a pagamento, cosa che io non ho mai fatto ne’ farò in futuro. Scrivere è per me un immenso piacere ma non è diverso da qualsiasi altro lavoro: comporta impegno, attenzione, anche fatica, e se remuneriamo un bravo idraulico che ama la propria professione non capisco perché chi scrive invece di condividere questa sorte debba aprire lui/lei il portafoglio;

– autopubblicare online: molto probabilmente non diventerete famosi e sicuramente non ci guadagnerete granché, ma almeno creerete l’opportunità di ampliare la cerchia dei vostri lettori;

– tradurre i vostri testi in inglese e mandarli a case editrici britanniche / statunitensi: che ancora, in maggioranza, i lettori professionisti li hanno e che, sempre in maggioranza e a differenza delle case editrici italiane, in caso di rigetto hanno almeno la cortesia di rispondervi “Ci dispiace, ma il suo libro non risponde alle nostre esigenze editoriali”.

Infine, anche se è terribile, la verità è questa: in Italia non ha nessuna importanza il fatto che scriviate in modo corretto, scorrevole, creativo e appassionante per essere riconosciuti/e come scrittori/scrittrici. L’unica altra idea che mi viene in mente per superare l’ostacolo è metterci insieme e aprire noi una casa editrice. Vogliamo pensarci?

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

emma

(“Hope”, di Emma Wright – in immagine – poeta inglese di origine asiatica. Trad. Maria G. Di Rienzo. L’Autrice, che ora ha 33 anni, ha fondato la propria casa editrice “The Emma Press” quando ne aveva 25, dopo aver preso nota che le maggiori case editrici e le riviste di poesia erano dirette da uomini e che determinati stili di poesia non erano pubblicati: “Non si trattava del fatto che un tipo di poesia non andasse bene. Solo del non rappresentarla. Non era di moda. Ma la forma, il soggetto e lo stile entravano in risonanza con me. Ho pensato: chi è che decide i trend? Tendevano a essere questi uomini più vecchi di me.” Emma sceglie di pubblicare solo lavori che la interessano personalmente: “Sto facendo questo per una ragione che ovviamente non è il denaro. Il mio guadagno è pubblicare poesia che voglio leggere. E’ il motivo per cui ho cominciato e il motivo per cui continuo.”)

Speranza.

Una maledizione, un sogno,

una luce nell’oscurità,

quando tutto dovrebbe essere inchiostro;

un rigonfiarsi di vita,

quando tutto dovrebbe essere immobile;

un tepore vicino a te,

quando tutto dovrebbe essere freddo

e morto e andato.

Speranza.

Un amore, un amico,

una risata felice

anche quando vuoi piangere;

un sorriso al tuo riflesso,

anche quando stai annegando;

fluttuare su una nuvola,

anche quando il peso delle

aspettative del mondo ti sta

schiacciando giù e giù

e giù.

Speranza.

Vivere attraverso i tempi peggiori;

tentare la sorte su qualcuno;

credere nel paradiso anche quando tutto quel che vedi è inferno.

Speranza.

Read Full Post »

Urvashi Butalia

Il 28 agosto prossimo Urvashi Butalia (in immagine) andrà a Weimar, in Germania, per ricevere un premio conferito dal Goethe-Institute alle persone che “hanno mostrato eccezionale competenza nella lingua tedesca così come nello scambio culturale internazionale”. E’ la terza a ricevere questa onorificenza.

E’ una bella notizia per lei, ma anche per noi tutte: perché Urvashi è una scrittrice / editrice femminista da più di trent’anni. Nelle motivazioni del riconoscimento, il Goethe-Institute definisce il suo libro “L’altro lato del silenzio” “uno dei testi più influenti negli studi sull’Asia del sud ad essere stato pubblicato (…) che sottolinea il ruolo della violenza contro le donne in un’esperienza collettiva di tragedia”.

Urvashi ha co-fondato con Ritu Menon la prima casa editrice femminista indiana, Kali for Women, nel 1984 ed è attualmente l’editrice di Zubaan Books, fondata nel 2003 e concentrata nel diffondere libri per adulti e bambini che sfidano tabù sociali e stereotipi di genere.

Urvashi Butalia non mai perso energia, determinazione e speranza: negli anni ’80 dello scorso secolo il suo lavoro ha tracciato le proteste anti-dote e le campagne contro stupro e violenza domestica e, verso la fine del decennio, le dimostrazioni contro il riaffacciarsi del “sati” (la tradizione per cui la vedova brucia viva sulla pira del defunto marito) e la legislazione che indeboliva significativamente i diritti delle donne musulmane nei casi di divorzio; negli anni ’90 il lavoro si è concentrato sull’ascesa del femminismo fra le donne Dalit (la casta degli “intoccabili”) e la crescente preoccupazione per le pratiche di feticidio e infanticidio femminile; dal 2000 in poi Urvashi è stata giusto nel mezzo di tutte le lotte dei movimenti popolari del suo paese per l’accesso alla sanità, per la riforma agraria, per il mantenimento delle foreste, e ha scritto di come la violenza contro le donne sia ritenuta sempre più accettabile – dall’interno delle loro case a qualsiasi spazio pubblico – da fondamentalisti e politici di vari gruppi, così come sono in aumento i tentativi di limitare ogni loro libertà nel nome della “sicurezza”.

Urvashi ha narrato nelle interviste che, quando era bambina, i pasti preparati dalle donne erano serviti per primi ai maschi della famiglia e le femmine dovevano mangiare i loro avanzi. La sua nonna paterna “vedeva la nuora come qualcuno da schiacciare, un’arrampicatrice che era arrivata senza dote” e controllava questo processo. Ma quando nel pomeriggio schiacciava un pisolino, le bambine rubavano le chiavi dei contenitori del cibo: “Mia madre ci incoraggiava a farlo. – racconta ancora Urvashi – Diceva di non poter assolutamente permettere che le sue figlie facessero la fame nella sua stessa casa. Io non avevo una parola per questo, non conoscevo la parola “femminismo” allora, ma ho imparato da mia madre che non c’è nulla di naturale nella discriminazione e che deve essere combattuta.”

Maria G. Di Rienzo

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: